Microsoft non produrrà più lettori HD DVD

L’HD DVD appartiene al passato, la nuova frontiera è il blu-ray. Dopo i vari annunci delle scorse settimane, relativi a molte adesioni del mondo IT al formato blu-ray, giunge ora un nuovo comunicato da parte di Microsoft, la quale dichiara che interromperà la produzione di lettori HD DVD per il suo sistema di gioco Xbox

L’HD DVD appartiene al passato, la nuova frontiera è il blu-ray. Dopo i vari annunci delle scorse settimane, relativi a molte adesioni del mondo IT al formato blu-ray, giunge ora un nuovo comunicato da parte di Microsoft, la quale dichiara che interromperà la produzione di lettori HD DVD per il suo sistema di gioco Xbox 360 dopo che anche Toshiba ha alzato bandiera bianca aderendo al blu-ray di Sony.

Microsoft ha annunciato sabato scorso che proseguirà nella fornitura dei componenti dei propri lettori HD DVD in garanzia, che secondo le stime del presidente di Toshiba, Atsutoshi Nishida, dovrebbero essere circa 300.000.

Ci viene ora da pensare che per Microsoft l’annuncio non debba essere stato indolore.

La compagnia americana fu una delle principali sostenitrici del formato HD DVD insieme alla Intel e al produttore giapponese NEC. Alla fine ha però prevalso il blu-ray, che ha visto (oltre allo scontato sostegno di Sony) aggiungersi anche l’adesione di Walt Disney, News Corp., Twentieth Century Fox e Warner Bros.

I Video di Webnews

IFA 2017: ASUS ZenBook Flip 15

Ti potrebbe interessare
Le prestazioni dell’Intel SSD X25-M diminuiscono nel tempo?
intel

Le prestazioni dell’Intel SSD X25-M diminuiscono nel tempo?

La scorsa settimana, sul sito di PCPerspective è apparsa una recensione che aveva come obiettivo l’analisi delle prestazioni a lungo termine del disco a stato solido X25-M di Intel. La conclusione del test ha mostrato una notevole riduzione delle prestazioni del drive (basato su tecnologia MLC) dopo un uso prolungato. Intel, invece, smentisce questa affermazione.

ISTAT: ancora scarso l’uso del Web in Italia
Web e Social

ISTAT: ancora scarso l’uso del Web in Italia

Nonostante il dato sia in costante crescita, l’Italia si colloca al diciottesimo posto della classifica europea per l’utilizzo del Web. Il rapporto annuale dell’ISTAT fotografa un Paese ricco di telefonini, ma ancora poco avvezzo al PC e alla Rete