Microsoft non produrrà più lettori HD DVD

L’HD DVD appartiene al passato, la nuova frontiera è il blu-ray. Dopo i vari annunci delle scorse settimane, relativi a molte adesioni del mondo IT al formato blu-ray, giunge ora un nuovo comunicato da parte di Microsoft, la quale dichiara che interromperà la produzione di lettori HD DVD per il suo sistema di gioco Xbox

L’HD DVD appartiene al passato, la nuova frontiera è il blu-ray. Dopo i vari annunci delle scorse settimane, relativi a molte adesioni del mondo IT al formato blu-ray, giunge ora un nuovo comunicato da parte di Microsoft, la quale dichiara che interromperà la produzione di lettori HD DVD per il suo sistema di gioco Xbox 360 dopo che anche Toshiba ha alzato bandiera bianca aderendo al blu-ray di Sony.

Microsoft ha annunciato sabato scorso che proseguirà nella fornitura dei componenti dei propri lettori HD DVD in garanzia, che secondo le stime del presidente di Toshiba, Atsutoshi Nishida, dovrebbero essere circa 300.000.

Ci viene ora da pensare che per Microsoft l’annuncio non debba essere stato indolore.

La compagnia americana fu una delle principali sostenitrici del formato HD DVD insieme alla Intel e al produttore giapponese NEC. Alla fine ha però prevalso il blu-ray, che ha visto (oltre allo scontato sostegno di Sony) aggiungersi anche l’adesione di Walt Disney, News Corp., Twentieth Century Fox e Warner Bros.

Ti potrebbe interessare
Millennium Bug, un timore infondato
bug

Millennium Bug, un timore infondato

Nostradamus aveva preannunciato la fine del mondo con l’arrivo del nuovo millennio.Gli informatici avevano preannunciato il blocco dei sistemi informatici allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre 1999. In pratica la fine del mondo sarebbe dovuta iniziare con il blocco dei computer.Y2K, più conosciuto come Millennium Bug, “terrorizzò” per diverso tempo gli informatici che pronosticavano

CryptoFirewall: il chip contro la ricarica delle cartucce
chip stampante

CryptoFirewall: il chip contro la ricarica delle cartucce

Sono ormai anni che importanti realtà nel settore delle stampanti hanno introdotto, attraverso un microprocessore miniaturizzato, il controllo della cartuccia in uso riuscendo a memorizzare il numero di stampe realizzate e quindi smagnetizzare il microprocessore rendendo la cartuccia non riutilizzabile.Nel mercato fecero la loro comparsa sistemi di rigenerazione più o meno avanzati, in grado di