Microsoft non produrrà più lettori HD DVD

L’HD DVD appartiene al passato, la nuova frontiera è il blu-ray. Dopo i vari annunci delle scorse settimane, relativi a molte adesioni del mondo IT al formato blu-ray, giunge ora un nuovo comunicato da parte di Microsoft, la quale dichiara che interromperà la produzione di lettori HD DVD per il suo sistema di gioco Xbox

L’HD DVD appartiene al passato, la nuova frontiera è il blu-ray. Dopo i vari annunci delle scorse settimane, relativi a molte adesioni del mondo IT al formato blu-ray, giunge ora un nuovo comunicato da parte di Microsoft, la quale dichiara che interromperà la produzione di lettori HD DVD per il suo sistema di gioco Xbox 360 dopo che anche Toshiba ha alzato bandiera bianca aderendo al blu-ray di Sony.

Microsoft ha annunciato sabato scorso che proseguirà nella fornitura dei componenti dei propri lettori HD DVD in garanzia, che secondo le stime del presidente di Toshiba, Atsutoshi Nishida, dovrebbero essere circa 300.000.

Ci viene ora da pensare che per Microsoft l’annuncio non debba essere stato indolore.

La compagnia americana fu una delle principali sostenitrici del formato HD DVD insieme alla Intel e al produttore giapponese NEC. Alla fine ha però prevalso il blu-ray, che ha visto (oltre allo scontato sostegno di Sony) aggiungersi anche l’adesione di Walt Disney, News Corp., Twentieth Century Fox e Warner Bros.

Ti potrebbe interessare
Tutte le ultime informazioni su Windows 8
Microsoft

Tutte le ultime informazioni su Windows 8

Con la leak di una delle early build di Windows 8, abbiamo finalmente la possibilità di scoprire alcune delle novità che Microsoft ha in serbo per noi per il prossimo futuro. Innanzitutto cambierà il task manager, con una interfaccia rinnovata e un nuovo pulsante per chiudere i singoli processi decisamente più intuitivo di quello implementato

Crittografia a 256-Bit e 320GB in 2.5″ per il nuovo hard disk Fujitsu
fujitsu hard disk

Crittografia a 256-Bit e 320GB in 2.5″ per il nuovo hard disk Fujitsu

La grandissima diffusione dei PC portatili ha portato ben presto alla luce il problema della protezione dei dati personali, soprattutto in ambiti in cui questi ultimi sono estremamente preziosi e di carattere strettamente riservato.Esistono vari metodi di protezione per i notebook, dalle semplci password di sistema al riconoscimento biometrico delle impronte digitali, sistemi Trusted Platform