QR code per la pagina originale

AMD lancia la piattaforma notebook Puma

,

Dopo mesi di attesa, AMD ha finalmente lanciato ufficialmente sul mercato la piattaforma Puma, primo vero tentativo del chipmaker di competere su tutti i fronti con le soluzioni Intel Centrino nel settore mobile.

I notebook che riporteranno il brand Puma saranno equipaggiati con un processore Griffin, un chipset AMD RS780M, un WiFi adapter ed eventualmente una scheda video discreta ATI.

I processori Griffin, commercialmente indicati come Turion Ultra, presentano un’architettura dual-core e integrano un quantitavivo di cache L2 pari a 1 Megabyte per core, supportano memorie DDR2 SO-DIMM con frequenze di 667Mhz e 800Mhz (fino a 8GB) e sono compatibili con lo standard AMD HyperTransport 3.0.

Il chipset RS780M integra un controller grafico DirectX 10 compatibile con gli standard HDMI e HDCP+, in grado di gestire due monitor contemporaneamente. Stando a quanto dichiarato da AMD, questa soluzione è in grado di offrire prestazioni quattro o cinque volte superiori rispetto al chip grafico X3100 IGP proposto da Intel.

Punto forte della piattaforma Puma è la tecnologia AMD PowerXpress, che permette al sistema il passaggio immediato dall’utilizzo del chip video integrato all’utilizzo di una scheda video discreta, in modo del tutto trasparente per l’utente.

Quando il sistema è alimentato a batteria viene sfruttato il controller grafico presente nel chipset RS780M, mentre quando si passa ad una fonte di alimentazione esterna, il sistema attiva la scheda video vera e propria. Inoltre, la tecnologia Hybrid Crossfire permette di utilizzare entrambe le soluzioni contemporaneamente, così da massimizzare le prestazioni durante l’utilizzo di applicazioni 3D.

AMD ha dichiarato di aver progettato oltre 100 configurazioni basate sulla piattaforma Puma, in modo da soddisfare le esigenze di tutti gli utenti. I prezzi dei notebook Puma dovrebbero infatti essere compresi tra i 700 dollari delle soluzioni entry-level e i 2500 dollari dei modelli di fascia alta.

La disponibilità dei primi prodotti è prevista per la fine del secondo trimestre dell’anno.