EliteXstream: nuovi alimentatori da 800 e 1000 Watt

Anche per la OCZ la vetrina del Cebit 2008 ha consentito la presentazione di tutta una serie di nuovi prodotti, pensati e progettati per rispondere alle esigenze di una vasta tipologia di utenti. Questa volta OCZ ha proposto una nuova serie di alimentatori di fascia alta: il nome commerciale è EliteXtream. La gamma deriva da

Anche per la OCZ la vetrina del Cebit 2008 ha consentito la presentazione di tutta una serie di nuovi prodotti, pensati e progettati per rispondere alle esigenze di una vasta tipologia di utenti. Questa volta OCZ ha proposto una nuova serie di alimentatori di fascia alta: il nome commerciale è EliteXtream.

La gamma deriva da un sinergico sforzo da parte della OCZ e della neo acquisita PC Power & Cooling; l’esperienza delle due aziende è stata determinante per lo sviluppo di prodotti ad alta efficienza.

Ma torniamo a parlare degli alimentatori: i due modelli presentati hanno una potenza rispettivamente di 800 W e 1000 W mentre l’efficienza è pari all’84%. Per garantire continuità e soprattutto stabilità in situazioni di carico impegnative, si è scelta una soluzione single-rail. Per quanto riguarda, ad esempio, il modello da 800W è in grado di erogare ben 62A sul rail da 12V.

Inoltre, il box che racchiude l’alimentatore è completamente nero, ed è raffreddato da una ventola da 120mm della serie Silent.

La serie EliteXstream ha conseguito la certificazione nVidia SLI, ed è commercializzata con una garanzia di cinque anni.

I Video di Webnews

Mafia 3: l’ambiente criminale

Ti potrebbe interessare
LG G7 Fit arriva in Europa
Android

LG G7 Fit arriva in Europa

Il nuovo LG G7 Fit con schermo FullVision da 6,1 pollici, processore Snapdragon 821 e 4 GB di RAM sarà in vendita nel corso dei prossimi giorni.

WikiTude: navigatore satellitare a realtà aumentata per iPhone
Realtà aumentata

WikiTude: navigatore satellitare a realtà aumentata per iPhone

Che la Realtà Aumentata rappresenti il futuro prossimo della tecnologia tascabile è sotto gli occhi di tutti (tranne che degli altri produttori di cellulari, probabilmente). E dopo vari esperimenti, “proof of concept” e piccole applicazioni, ecco un software che potrebbe cambiare drasticamente il nostro modo di usare la tecnologia. Si chiama WikiTude, è in arrivo