Texas Instruments taglia le previsioni sui ricavi

Texas Instruments, produttore di microchip per i cellulari di mezzo mondo, ha abbassato le proprie previsioni sui profitti e sui ricavi del primo trimestre del 2008. La decisione pare essere una diretta conseguenza dell’annuncio di Nokia e Sony Ericsson, che sul finire del 2007 dichiararono l’intenzione di ordinare parte dei chip da altre compagnie produttrici

Texas Instruments, produttore di microchip per i cellulari di mezzo mondo, ha abbassato le proprie previsioni sui profitti e sui ricavi del primo trimestre del 2008.

La decisione pare essere una diretta conseguenza dell’annuncio di Nokia e Sony Ericsson, che sul finire del 2007 dichiararono l’intenzione di ordinare parte dei chip da altre compagnie produttrici di semiconduttori, in modo tale da non dipendere unicamente dalla società di Dallas.

Texas Instruments annuncia perciò di attendersi ricavi tra i 41 e i 45 centesimi per azione nel primo trimestre dell’anno, 3 centesimi in meno di quanto previsto da una stima di metà Gennaio. Secondo la società, inoltre, le vendite dovrebbero assestarsi tra i 3,21 miliardi di dollari e 3,35 miliardi, circa 130 milioni in meno rispetto alla precedente previsione.

Se le nuove stime si dimostreranno accurate, Texas Instruments conseguirà tra il 6 e il 10% di ricavi in meno rispetto al quarto trimestre del 2007, ma tra l’1 e il 5% in più di quanto ricavato nel primo trimestre di un anno fa.

I Video di Webnews

Battlefield 1, un trailer per il gameplay

Ti potrebbe interessare
Anobii: la rete sociale dedicata ai libri
Web e Social

Anobii: la rete sociale dedicata ai libri

Il nome “Anobii” deriva dall’Anobii Punctatum, il tarlo del legno e la scelta curiosa di attribuirlo ad una rete sociale dedicata al mondo dei libri allude probabilmente al carattere “divoratore” di testi di chi utilizza questo servizio nato dall’idea di una ditta di Hong Kong. La passione “vorace” per i libri infatti è l’elemento che