Electronic Arts lancia offerta ostile su Take-Two

Electronic Arts, una delle società più importanti al mondo nel settore della produzione dei videogiochi, ha lanciato un’offerta “ostile” di 2 miliardi di dollari per acquistare la rivale Take-Two Interactive Software, creatrice di alcuni titoli di successo tra cui la nota serie “Grand Theft Auto”. La scelta di Electronic Arts sembra essere destinata a destabilizzare

Electronic Arts, una delle società più importanti al mondo nel settore della produzione dei videogiochi, ha lanciato un’offerta “ostile” di 2 miliardi di dollari per acquistare la rivale Take-Two Interactive Software, creatrice di alcuni titoli di successo tra cui la nota serie “Grand Theft Auto”.

La scelta di Electronic Arts sembra essere destinata a destabilizzare una lunga trattativa con Take-Two della quale vi avevamo informato più volte nei giorni scorsi. Take-Two in un primo momento aveva rifiutato l’offerta iniziale di EA giudicandola troppo bassa rispetto alle aspettative. La mossa di Take-Two era stata in realtà interpretata come una opzione attendista, al fine di presentare ai potenziali acquirenti una situazione più rosea dettata dal probabile successo derivante dall’uscita del nuovo episodio della serie GTA, il 30 Aprile.

Ora EA ci riprova, con un’offerta di 26 dollari per azione, che rappresentano un 4% in più rispetto al prezzo di chiusura del titolo Take-Two di mercoledì, e un 64% in più del prezzo di chiusura del 15 febbraio, preso come riferimento della prima offerta di EA.

L’offerta di EA “scadrà” alla mezzanotte dell’11 Aprile, a meno che non venga estesa ulteriormente. L’assemblea degli azionisti di Take-Two è fissata per il 10 Aprile.

I Video di Webnews

Energous WattUp, sistema per la ricarica a distanza

Ti potrebbe interessare
Le tensioni latenti del Mobile World Congress
skype

Le tensioni latenti del Mobile World Congress

La nascita di una nuova dimensione mobile a metà tra informatica e telefonia sta creando tensioni latenti tra operatori e sviluppatori. Da una parte c’è chi intende lucrare sul traffico, dall’altra c’è chi spera nell’abbassamento dei costi per crescere