QR code per la pagina originale

Tre miliardi di video per YouTube

Un video su tre visualizzato nella Rete è ospitato su YouTube. I dati relativi a gennaio confermano le buone prestazioni del più grande portale di video sharing al mondo. Negli Stati Uniti il sito di Google può contare su 80 milioni di utenti

,

YouTube si conferma il portale di videosharing più utilizzato anche nei primi mesi del 2008 negli Stati Uniti. Secondo gli analisti di comScore, il più famoso sito web per la condivisione di filmati online sarebbe utilizzato da uno spettatore americano su tre. Nel solo gennaio di quest’anno, sui nove miliardi di video visti negli States sulla Rete, un terzo sarebbe stato visualizzato attraverso YouTube. Il dato conferma dunque la supremazia del portale di Google sul resto della concorrenza.

Rispetto a dicembre 2007, il livello complessivo di filmati visionati online è comunque diminuito di circa un miliardo, con un conseguente rallentamento nella crescita di buona parte dei siti web dedicati al video sharing. I due portali gestiti da Mountain View, YouTube e Google Video, confermano la loro leadership anche per il mese di gennaio con un volume di mercato pari al 34,3% (3,4 miliardi di video visualizzati). Segue, al secondo posto, il servizio offerto da Fox Interactive Media con il 6% circa del mercato e un volume complessivo pari a 584 milioni di filmati visti. L’ultimo gradino del podio è invece ad appannaggio di Yahoo con il suo 3,2% pari a 315 milioni di video.

Stando ai dati forniti da comScore, circa 139 milioni di utenti statunitensi hanno trascorso una media di 206 minuti davanti allo schermo per consultare i video nel mese di gennaio. Anche in questo caso, i siti gestiti da Google guidano la classifica, con circa 80 milioni di utenti e una media di 110 minuti spesi a guardare i filmati. Interessante, infine, il dato fornito sulla sovrapposizione del pubblico dei mezzi di comunicazione tradizionali con i portali di video sharing. Secondo comScore, nel mese di gennaio tre spettatori televisivi su quattro avrebbero utilizzato i siti per la condivisione dei filmati online.