Google taglia 300 posti di lavoro Doubleclick

Secondo la stampa americana, Google ha deciso di tagliare circa 300 posti di lavoro tra i dipendenti di Doubleclick, la compagnia specializzata in tecnologie utili all’advertising appena acquisita dal gigante statunitense.Non possiamo che valutare come estremamente pesante il taglio previsto da Google: i dipendenti di Doubleclick negli States sono circa 1.200, e una riduzione di

Secondo la stampa americana, Google ha deciso di tagliare circa 300 posti di lavoro tra i dipendenti di Doubleclick, la compagnia specializzata in tecnologie utili all’advertising appena acquisita dal gigante statunitense.

Non possiamo che valutare come estremamente pesante il taglio previsto da Google: i dipendenti di Doubleclick negli States sono circa 1.200, e una riduzione di 300 unità corrisponde a un quarto della forza lavoro della società.

Inoltre, sempre secondo le stesse indiscrezioni (che però riporterebbero le parole del chief executive di Google, Eric E. Schmidt) ad essere toccati dalla forbice di Google potrebbero essere anche i lavoratori oltreoceano di Doubleclick.

La notizia si è sparsa velocemente nelle ultime ore, creando particolare preoccupazione nei sindacati del settore. Google tuttavia ha rifiutato di commentare il numero dei tagli previsti. L’unico comunicato stampa a riguardo ha ribadito che Google sta lavorando alacremente per allineare il piano organizzativo delle risorse umane di Doubleclick con quelle dell’acquirente.

Ti potrebbe interessare
Samsung Galaxy Tab: sostituito il Super AMOLED con il Super TFT
Tablet

Samsung Galaxy Tab: sostituito il Super AMOLED con il Super TFT

Il Samsung Galaxy Tab, interessante tablet interamente svelato da poche ore dal produttore stesso, arriverà sul mercato senza una caratteristica tecnica importante, ovvero privo del display con il Super AMOLED.L’integrazione di tale tecnologia nel device era comunque improbabile, ma in molti hanno esternato un gran malcontento quando Samsung ne ha confermato l’assenza. A ogni modo,

Aumento degli utenti P2P in Giappone
Prezzi e tariffe

Aumento degli utenti P2P in Giappone

Secondo un sondaggio online, tradotto da Martin Williams, il numero degli utenti che utilizzano la tecnologia file sharing (condivisione di file), in Giappone, è aumentata del 180%. L’indagine è stata effettuata da enti senza scopo di lucro come RIAJ (lo stesso negli USA si chiama RIAA) e MPAA ed ha evidenziato che, dal mese di

Dall’UE l’estrema minaccia a Microsoft
Software e App

Dall’UE l’estrema minaccia a Microsoft

«Non vivrò in eterno. Secondo la mia opinione queste informazioni avrebbero dovuto essere a disposizione già 2 mesi fa»: così Neelie Kroes (alla guida della commissione europea antitrust, sta portando avanti un logorante braccio di ferro che affonda le proprie radici alla sentenza del 2004 firmata dal predecessore Mario Monti) spiega l’intervento con cui, in