Videocon vuole la divisione cellulari di Motorola

La compagnia indiana Videocon ha pubblicamente annunciato di voler mettere le mani sulla divisione cellulari di Motorola.La società del subcontinente, che produce apparecchi elettronici ed ha numerosi interessi anche nel settore immobiliare e in quello energetico, non ha annunciato ancora alcun possibile prezzo di acquisto, ma ha dichiarato di aver già contattato Motorola per sondare

La compagnia indiana Videocon ha pubblicamente annunciato di voler mettere le mani sulla divisione cellulari di Motorola.

La società del subcontinente, che produce apparecchi elettronici ed ha numerosi interessi anche nel settore immobiliare e in quello energetico, non ha annunciato ancora alcun possibile prezzo di acquisto, ma ha dichiarato di aver già contattato Motorola per sondare le intenzioni di cessione della divisione della telefonia mobile di quest’ultima.

Secondo gli analisti ci sono buone possibilità che, se la nuova divisione cellulari verrà venduta, questa venga ceduta proprio alla Videocon, guidata da Venugopal Dhoot, cinquantaquattrenne ambizioso uomo d’affari del Paese. Insieme ai suoi due fratelli e alle loro rispettive famiglie, Dhoot controlla il 71% di Videocon, che ha base a Mumbai.

In India, tuttavia, la stampa nazionale ha subito raffreddato i bollenti spiriti di chi immaginava già lo stemma di Videocon avere la meglio sulla M di Motorola. Di fatti, gli osservatori ribadiscono come la compagnia indiana non abbia alcuna esperienza nelle telecomunicazioni, e di come gestire una compagnia come Motorola sia una sfida piuttosto ardua da condurre in porto.

Inoltre, per il momento, non pare che dai vertici di Motorola ci sia l’intenzione di mettere in vendita la divisione.

Ti potrebbe interessare
Facebook vs. Google, il social network si difende
Google

Facebook vs. Google, il social network si difende

Continua lo scontro tra Facebook e Google, con l’azienda di Mark Zuckerberg che questa volta sembra aver giocato sporco pur di indebolire la concorrenza. Pare infatti che il CEO e ideatore del popolare social network sia stato scoperto a pagare alcune agenzie di pubbliche relazioni di modo che queste convincessero blogger e giornalisti compiacenti a