QR code per la pagina originale

In arrivo nuove regole per il passaggio da un operatore all’altro

,

Volete abbandonare Telecom per Fastweb o per Libero, poi volete tornare a Telecom magari passando per Tiscali. Che sia per le connessioni dati o per una linea voce, cambiare operatore è spesso molto problematico.

Blackout di linea molto lunghi (anche diverse settimane), funzionamenti a singhiozzo, “nevrosi” da callcenter….
Ma adesso forse qualcosa sta cambiando, l’Agcom ha stretto un accordo con gli operatori che dovrebbe permettere a noi utenti di poter effettuare i passaggi tra gli operatori in maniera indolore.

O quantomeno con meno problemi di prima. Un grande cosa se effettivamente funzionerà. Andiamo a vedere cosa dovrebbe cambiare dal 26 maggio.
Prima di tutto, e già questo è un bel passo avanti, sarà possibile passare da un operatore non Telecom ad un altro operatore non Telecom senza passare per Telecom.

Troppe “Telecom” di mezzo e infatti se prima si era costretti riallacciare una nuova utenza Telecom per passare per esempio da Libero a Fastweb, dal 26 maggio, non sarà più necessario.
Il passaggio diretto garantirà finalmente anche una maggiore vera concorrenza.

Buone nuove anche per chi decide di cambiare il proprio gestore di connettività a banda larga.
Adesso non si dovrà più disdire il vecchio e aspettare che venga attivato il nuovo collegamento. Dal 26 maggio, gli operatori interessati dovranno accordarsi per effettuare la dismissione della vecchia linea e l’allacciamento della nuova nello stesso momento.

Insomma notizie ghiotte che finalmente portano un po’ di luce su una questione, quella dei cambi di linea, già ampiamente criticata. Qualsiasi forum o newsgroups porta migliaia di discussioni a riguardo.

Buone notizie anche per la lotta contro i call-center disonesti che attivano contratti di fonia o di connettività senza autorizzazione. Il nuovo regolamento prevede che il gestore prima dell’attivazione debba inviare e vedersi restituire un contratto firmato.