Dreaming Minority Report

Me lo ricordo quando andai al cinema per Minority Report. Io fisso allo schermo, la mia fidanzata fissa su di me che a bocca aperta ammiravo il mouse manuale di Tom Cruise. Un miraggio. Non servivano spiegazioni: immediatamente capii cosa significava una cosa del genere. E immediatamente capii che lo volevo, assolutamente, lo volevo.Negli anni

Me lo ricordo quando andai al cinema per Minority Report. Io fisso allo schermo, la mia fidanzata fissa su di me che a bocca aperta ammiravo il mouse manuale di Tom Cruise. Un miraggio. Non servivano spiegazioni: immediatamente capii cosa significava una cosa del genere. E immediatamente capii che lo volevo, assolutamente, lo volevo.

Negli anni i riferimenti a Minority Report si sono moltiplicati. E’ maturata la sensazione che fosse quello un punto di arrivo imprescindibile. E nel momento stesso in cui matura una sensazione simile, è evidente che la cosa diviene realtà: l’utenza ne sente il bisogno, le aziende sentono il bisogno di soddisfare il bisogno, si crea un interesse comune ed è in questa sublimazione che la fantasia diviene realtà.

Ed eccolo il primo spiraglio di realtà: brevetto numero 20080084385:

Nel film si dotavano i polpastrelli di led e l’interfaccia era un ampio vetro che reagiva a tali stimoli luminosi. Al momento si è ancora ad una fascetta che monitora i movimenti, probabilmente legata ad un uso “tradizionale” su superficie orizzontale, ma è evidente che un ulteriore passo sia stato compiuto. Mischiando questo brevetto e la nuova tecnologia Surface, poi, ecco un passo ulteriore.

Tom Cruise, arriviamo…

Ti potrebbe interessare