Nuovi alimentatori Kira Compact Series per X-Spice

X-Spice, noto produttore di alimentatori asiatico, ha presentato ufficialmente la sua linea di PSU denominata Kira Compact Series. Si tratta di alimentatori conformi allo standard ATX 2.2, di dimensioni particolarmente ridotte e livelli di efficienza particolarmente elevati.Tre i modelli disponibili, da 430W, 530W e 630W, tutti conformi all’80+ Efficiency Program, certificazione ottenibile unicamente da dispositivi

X-Spice, noto produttore di alimentatori asiatico, ha presentato ufficialmente la sua linea di PSU denominata Kira Compact Series. Si tratta di alimentatori conformi allo standard ATX 2.2, di dimensioni particolarmente ridotte e livelli di efficienza particolarmente elevati.

Tre i modelli disponibili, da 430W, 530W e 630W, tutti conformi all’80+ Efficiency Program, certificazione ottenibile unicamente da dispositivi con efficienza energetica pari ad almeno l’80% sotto carico del 20%, 50% e 100%.

Sebbene le potenze dei tre modelli non siano tra le più alte, sono infatti in commercio numerosi alimentatori che superano i 1000w, ricordiamo che i modelli della linea Kira CS sono appositamente studiati per rientrare nelle dimensioni di 12,5cm di lunghezza, contro i 16cm degli alimentatori standard, divenendo pertanto prodotti ottimali per l’uso in PC di dimensioni particolarmente ridotte, come i barebone.

Tutti e tre i modelli Kira Compact Series dispongono di una ventola da 120x120mm la cui velocità è controllata da un sensore termico. La garanzia è invece ufficialmente di 2 anni.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il sito ufficiale di X-Spice.

Ti potrebbe interessare
Con AutoBot l’iPhone sostituirà il meccanico
Apple

Con AutoBot l’iPhone sostituirà il meccanico

Il meccanico? Preistoria, superato dalla tecnologia. Stiano tranquilli i diretti interessati e quanti amano suoni e odori di una tradizionale officina, perché l’affermazione della nostra apertura, è bene precisarlo, è solamente una piccola forzatura necessaria a sottolineare la novità che stiamo per presentare.La novità si chiama AutoBot e, nonostante il nome evochi ricordi “alieni” legati