Vola Google dopo la trimestrale

Netto rialzo in chiusura di settimana per le azioni del titolo Google al Nasdaq dopo gli eccellenti risultati pubblicati nella trimestrale.La società ha registrato nel primo trimestre un utile netto di ben 1,31 miliardi di dollari, in crescita del 30% rispetto allo stesso periodo del 2007.Le vendite, escluse le commissione pagate ai partner, sono aumentate

Netto rialzo in chiusura di settimana per le azioni del titolo Google al Nasdaq dopo gli eccellenti risultati pubblicati nella trimestrale.

La società ha registrato nel primo trimestre un utile netto di ben 1,31 miliardi di dollari, in crescita del 30% rispetto allo stesso periodo del 2007.

Le vendite, escluse le commissione pagate ai partner, sono aumentate del 46% a 3,7 miliardi di dollari.

Il motivo principale che ha spinto le quotazioni è stato il dato sull’utile per azione di 4,12 dollari contro i 3,96 dollari previsti dal consenso degli analisti.

Raffica di promozioni e upgrade da parte dei broker principali: Citigroup ha alzato il target price da 600 a 630 dollari, Merril Lynch da 580 a 600 dollari, Jefferies ha alzato il giudizio da hold a buy.

Secondo gli analisti di Credit Suisse, Google continua a essere ottimamente posizionata per guidare l’evoluzione del mercato della pubblicità online.

Gli analisti elvetici hanno confermato l’ottima visione del titolo raccomandando l’acquisto del titolo e proponendo un target price di ben 900 dollari.

Oltretutto “l’effetto Google” sembra trainare anche gli altri titoli informatici del listino statunitense, quali Baidu.com e Amazon.com.

Ti potrebbe interessare
La visione di Microsoft: ecosistema unico per tutti i dispositivi
Microsoft

La visione di Microsoft: ecosistema unico per tutti i dispositivi

Windows Phone 7 non arriverà mai sui tablet, ma i piani futuri dell’azienda di Redmond prevedono un unico ecosistema per tutti i suoi prodotti. Microsoft dunque ha previsto l’integrazione tra PC, smartphone e console, ognuno dei quali conserverà la propria “autonomia”, ma tutti questi dispositivi funzioneranno insieme in perfetta armonia.

Keynote in live video streaming: un test per il nuovo datacenter Apple
Apple

Keynote in live video streaming: un test per il nuovo datacenter Apple

La decisione di trasmettere in video streaming il keynote di oggi non sarebbe un gesto di “apertura” da parte di Apple, per consentire a tutti (non proprio tutti per la verità) di poter vedere i nuovi iPod e iTV. Alla base della scelta ci sarebbe invece la volontà di mettere sotto stress il nuovo datacenter

YouTube: Google batte Viacom, che però annuncia il ricorso
Web e Social

YouTube: Google batte Viacom, che però annuncia il ricorso

Google – Viacom: 1 a 0 e palla al centro. Si può riassumere così, usando un linguaggio prettamente calcistico tanto in voga in questi giorni in cui si stanno svolgendo i Mondiali FIFA, la vicenda che vede di fronte, in un’aula di tribunale, due protagonisti quali i già citati Google e Viacom.Motivo del contendere è

Marketing digitale: da ad:tech casi di eccellenza, “tips and tricks”
Web e Social

Marketing digitale: da ad:tech casi di eccellenza, “tips and tricks”

Organizzata da Dmg World Media, Ad:tech è ormai uno dei punti di riferimento per chi si occupa di marketing digitale: si tratta di una serie di fiere e conferenze sul marketing nelle nuove piattaforme mediali e che, durante l’anno, raggiunge dieci capitali mondiali: San Francisco, Sydney, Parigi, Singapore, Chicago, Tokyo, Londra, New York, Shangai, Beijing.Dal