QR code per la pagina originale

Google strizza l’occhio al mercato cinese

,

Non si ferma la delocalizzazione e lo sviluppo di nuove attività in terra cinese per il colosso informatico Google.

La notizia denota un’apertura notevole verso il mercato orientale, infatti, il maggior motore di ricerca del mondo, ha in programma di assumere altri 200 dipendenti in Cina e incrementare la spesa per la promozione del prodotto e per cercare di conquistare un maggior numero di utenti cinesi.

Lee-Kai Fu, presidente di Google Greater China, ha affermato in un’intervista a margine della commissione dei 100 a Beverly Hills che la società incrementerà gli investimenti promozionali e di marketing per prodotti come Google Maps e il servizio e-mail denominato GMail.

Lee ha concluso affermando la necessità e la voglia di Google di incrementare i ricavi pubblicitari in China, dove milioni di giovani cinesi stanno rapidamente adottando l’uso degli acquisti online.

Per Google l’apertura decisa sul mercato cinese rappresenta una grandissima opportunità di sviluppo, in quanto il mercato cinese è in rapida e costante crescita, sia per volumi di affari che per utenti.

Il reale ostacolo alla diffusione su larga scala dello strumento Internet in Cina è rappresentato dalla rigidità del governo di Pechino, ancora restio a permettere una normale diffusione delle notizie sulla rete.