Con “Assassin’s Creed” primi benchmark DirectX 10.1

Qualche mese fa ci chiedevamo, prematuramente, se il lancio da parte di ATI di schede grafiche compatibili DirectX 10.1 fosse una realtà o una trovata pubblicitaria.In tempi in cui ancora non erano stati rilasciati i primi giochi DirectX 10 nativi, infatti sembrava un’esagerazione pubblicizzarne tanto la compatibilità.Oggi però i tempi sono maturi e possiamo, con

Qualche mese fa ci chiedevamo, prematuramente, se il lancio da parte di ATI di schede grafiche compatibili DirectX 10.1 fosse una realtà o una trovata pubblicitaria.

In tempi in cui ancora non erano stati rilasciati i primi giochi DirectX 10 nativi, infatti sembrava un’esagerazione pubblicizzarne tanto la compatibilità.

Oggi però i tempi sono maturi e possiamo, con ogni certezza, affermare che la compatibilità DirectX 10.1 apporta notevoli benefici nell’esecuzione dei giochi compatibili.

Infatti i ragazzi di Rage3D hanno effettuato dei benchmark su Assassin’s Creed, attesissimo titolo di casa Ubisoft che, a quanto pare, è il primo (ed unico per ora) vero gioco a supportare in via nativa la nuova versione delle API di casa Microsoft, anche se, per ignote ragioni, in via ufficiosa.

I benefici apportati, come già approfondito nel precedente articolo, riguardano l’utilizzo dell’antialiasing, grazie alla modalità MSBRW (Multi-Sample buffer read & write) che, sostituendosi al tradizionale MSAA, abbiamo appurato in grado di apportare un aumento delle prestazioni pari al 20%, nonché una migliore qualità della grafica.

Certo lo scorso Novembre erano solo dati tecnici, non essendoci ancora giochi in grado di sfruttarle.

Ti potrebbe interessare
Al voto per i Webby Awards, gli Oscar del Web
Web e Social

Al voto per i Webby Awards, gli Oscar del Web

Sono stati nominati i finalisti per la 14esima edizione dei Webby Awards e, fino al 29 aprile, è possibile votarli. Stiamo parlando di quello che probabilmente può essere definito il premio più pestigioso nel settore.Il pubblico può scegliere i propri preferiti attraverso quattro macro-categorie: siti, pubblicità interattiva, film e video online e contenuti mobile, ognuna

L’advertising online torna a correre?
Business

L’advertising online torna a correre?

I quattro grandi gruppi dell’advertising online (nell’ordine: Google, Yahoo, Microsoft, AOL) son tornati a crescere proiettando maggior fiducia per il 2010 sull’intero comparto. Ottima la performance Microsoft, che rimane però ancora all’ombra dei big

L’email sul cellulare con Tiscali Mobile
Google

L’email sul cellulare con Tiscali Mobile

Quante volte ci troviamo nella necessità di inviare o leggere una email con urgenza e non troviamo nessun Internet point in zona? Chi lavora spesso fuori casa o è in viaggio può capire bene come sia indispensabile, a volte, avere sempre la possibilità di poter consultare il proprio indirizzo email.I clienti dell’operatore mobile virtuale, Tiscali

Cresce il display dei netbook Asus Eee PC
asus dell intel

Cresce il display dei netbook Asus Eee PC

La differenza tra i netbook e i normali notebook si riduce sempre più; infatti, oltre ai prezzi di vendita, inizia ad aumentare anche la dimensione del display LCD.Dopo Acer, che ha presentato il modello Aspire One 751, anche Asus, entro la fine del mese corrente, introdurrà una versione della serie Eee PC con schermo da

Guerra fra birre: iBeer vs iPint
Apple

Guerra fra birre: iBeer vs iPint

Sull’App Store si è scatenata “la guerra delle birre”: lo sviluppatore Hottrix, creatore dell’ottimo iBeer, ha querelato il colosso delle birre Coors per aver copiato la sua idea.Il problema nasce dalla commercializzazione, a titolo gratuito, di iPint; prodotto che annulla, o diminuisce notevolmente, i potenziali acquirenti di iBeer causando danni al business di Hottrix.

Agli italiani non piacciano i prezzi dell’iPhone
Imaging

Agli italiani non piacciano i prezzi dell’iPhone

Impazzano in rete oramai davvero moltissimi video “parodia” sui costi spropositati dell’iPhone italiano. Molti avevano sperato che davvero questo splendido oggetto potesse avere un prezzo adeguato sopratutto dopo la promessa della Apple di costi accessibili. Invece sopratutto qui da noi, dove la moda vale più delle proprie possibilità economiche, Tim e Vodafone hanno proposto prezzi