QR code per la pagina originale

Condanna per P2P in Svezia

Il tribunale svedese ha inflitto 10.000 corone svedesi di multa ad un 31enne reo di aver effettuato l'upload di 4.500 brani musicali e 30 film. Schivata la galera poiché 'anche l'industria cinematografica e musicale ha le sue colpe'

,

Il tribunale di Linkoeping, Svezia, ha giudicato il trentunenne Andreas Karlsson colpevole di aver effettuato l’upload su Internet tramite il programma Direct Connect di 4.500 brani musicali e 30 film. Il giovane si trova ora costretto a pagare una penale di 10.000 corone svedesi (circa 1.000 euro) e le spese processuali, pari a 44.670 corone (poco meno di 5.000 euro). Scampata per un soffio la galera, poiché, nonostante fosse stata richiesta dalle parti in causa, secondo i giudici, «anche l’industria discografica e cinematografica deve assumersi le sue responsabilità».

Le parti offese includono i membri svedesi dell’International Federation of the Phonographic Industry, gli studi Buena Vista, Warner, SF e Nordisk Film. Si tratterebbe secondo la Anti-Piracy Agency (APB) del caso più ampio avuto sinora in Svezia e quindi molto importante in linea di principio: «è chiaro come la corte prenda seriamente la violazione del quale l’uomo si è reso colpevole», ha dichiarato Sara Lindbaeck, legale dell’agenzia. «L’elevato numero di file condivisi illegalmente in Svezia causa ai suoi creatori ingenti perdite».

La Svezia si è ritrovata in prima linea a dover combattere la piaga della pirateria, focalizzatasi a gennaio su The Pirate Bay, uno dei più grandi siti per il download illegale di film, musica e giochi. Il governo è in procinto di presentare una proposta attraverso la quale i provider potranno fornire informazioni per identificare le persone coinvolte nello scambio illegale di file.