QR code per la pagina originale

AMD: i problemi finiranno con l’architettura K11?

,

Sembrano ormai lontani i tempi in cui i processori AMD Athlon 64 e Opteron, in grado di mostrare performance ben superiori rispetto alle soluzioni della concorrente Intel, invadevano il mercato dei sistemi server e desktop, garantendo agli utenti un ottimo rapporto prestazioni/prezzo.

Al momento attuale, tutti i modelli di processore sviluppati da AMD sulla base della nuova architettura K10 (Phenom e Opteron Barcelona) risultano inferiori alle CPU Intel Core 2 appartenenti alla stessa fascia di prezzo: recenti test hanno dimostrato l’evidente gap prestazionale tra le due architetture, nonchè una notevole differenza dal punto di vista dei consumi ernergetici, a favore delle soluzioni Intel.

Il direttore tecnico delle vendite e del marketing di AMD EMEA, Giuseppe Amato, ha dichiarato in un’intervista online:

L’architettura di prossima generazione delle nostre CPU (K11) non sarà in alcun modo paragonabile agli attuali Phenom. Sarà completamente differente. Sarà in grado di risolvere i problemi che oggi pensiamo impossibili da risolvere via hardware.

Le parole di Giuseppe Amato e il fatto che AMD non è stata ancora in grado di commercializzare una CPU di ultima generazione avente frequenza superiore ai 2.6 Ghz, indicano che i problemi nell’implementazione dell’attuale architettura K10 sono talmente gravi che il chipmaker non è in grado di risolverli in modo efficace neanche effettuando piccole modifiche hardware.

Tutto ciò si traduce nell’impossibilità di competere con Intel per la conquista della fascia alta del mercato dei processori x86.

Sembra dunque che le maggiori speranze di AMD siano riposte nella prossima generazione di CPU, indicata con il nome in codice Bulldozer, che, a quanto pare, sarà in grado di offrire prestazioni superlative.

Purtroppo al momento sono noti ben pochi dettagli sull’architettura AMD K11: si sa soltanto che supporterà il set di istruzioni SSE5 e che la produzione in massa non prenderà il via prima degli ultimi mesi del 2009, o comunque entro l’inizio del 2011. Tempi veramente duri per AMD.