QR code per la pagina originale

Da Super Talent nuovi SSD a partire da 299 dollari

,

Da qualche mese stiamo assistendo a una graduale immissione dei Solid State Disk (SSD) nel mercato storage, soprattutto in ambito notebook, per via dei vantaggi in termini di velocità e di consumi energetici che portano questi rispetto ai tradizionali hard disk.

Super Talent, azienda attiva nella produzione di memorie DRAM e Flash, ha presentato nuove soluzioni di storage SSD dalle caratteristiche interessanti e prezzi aggressivi. Si parla di 299 dollari per il taglio più piccolo, quello da 30GB, prezzo in assoluto non popolare, ma relativamente contenuto rispetto alla concorrenza.

Sono due le serie presentate che vanno ad arricchire la gamma MasterDrive, entrambe caratterizzate da un form factor di 2.5″, interfaccia di collegamento Serial ATA II e un algoritmo proprietario di “wear-levelling”, ma contraddistinte fondamentalmente dalla tecnologia alla base della realizzazione delle celle di memoria.

La serie MasterDrive MX è accreditata di velocità di lettura e scrittura rispettivamente pari a 120MB/s e 40MB/s, con capacità disponibili nei tagli di 30, 60 e 120 gigabyte e prezzi pari a 299, 499 e 699 dollari. Grandi capacità di memorizzazione a un prezzo così relativamente contenuto sono state ottenute realizzando le celle di memoria in tecnologia “Multi Level Cell” (MLC), che consentono di immagazzinare più informazioni per ogni cella, aumentando così la densità di bit totale a discapito dei tempi di lettura e scrittura.

La serie MasterDrive DX è invece realizzata con celle in tecnologia “Single Level Cell” (SLC) che, pur avendo la stessa velocità di lettura della serie MX, riesono a garantire una velocità di scrittura pari a ben 70MB/s. Di questa serie saranno disponibili solo due modelli nei tagli da 30 e 60 gigabyte con prezzi rispettivamente di 699 e 1299 dollari.

I prodotti della serie MasterDrive sono totalmente intercambiabili con i tradizionali hard disk da 2.5″ e si propongono, grazie ai loro prezzi relativamente bassi, come valide alternative a questi ultimi per gli utenti che necessitano di maggiori performance e maggiore autonomia per i propri sistemi notebook.