QR code per la pagina originale

Terremoto in Cina: il Web si ferma per tre giorni

I tre giorni di lutto nazionale indetto per ricordare le vittime del terremoto nella regione del Sichuan interessano anche i siti Web cinesi, che limiteranno le loro offerte di intrattenimento come richiesto dal governo di Pechino

,

Mentre tra le macerie delle città e dei villaggi in Sichuan distrutti dal devastante terremoto si continua a scavare, la Cina ha da poco iniziato il primo dei tre giorni di lutto nazionale indetti dal governo di Pechino per ricordare le oltre 30mila vittime del sisma. Le 72 ore di lutto interessano tutte le principali attività della nazione, compresi gli organi di stampa, le televisioni e lo stesso Web, generalmente assoggettati alle strette maglie della censura di Pechino. Il governo cinese ha infatti imposto la sospensione di tutte le attività di intrattenimento sulla Rete, imponendo tre giorni di riflessione e raccoglimento intorno alle famiglie delle vittime e dei superstiti del terremoto che una settimana fa ha devastato la regione del Sichuan.

Sohu.com, uno dei principali siti Internet di informazione cinesi, si presenta agli utenti in un sobrio formato in bianco e nero, con l’invito a sostenere le centinaia di migliaia di persone scampate al sisma con donazioni e gesti concreti per alleviarne le sofferenze. Anche il motore di ricerca Baidu, primo per le ricerche in Cina, sarà listato a lutto per i prossimi tre giorni, offrendo notizie e informazioni utili per supportare i terremotati del Sichuan. I risultati delle ricerche sembrano, almeno al di fuori della Cina, condurre a tutti i siti Web compresi quelli tradizionali di intrattenimento.

I portali per la condivisione di video più utlizzati dagli internauti cinesi, come Youku e Tudou, presentano nelle rispettive homepage numerosi filmati legati alla tragedia del sisma. Attraverso le funzioni di ricerca è comunque possibile accedere alle altre aree dei portali, visionando normalmente i filmati musicali o i video prodotti e caricati dagli stessi utenti iscritti ai due siti web.

Anche il mastodontico portale dedicato alle Olimpiadi di Pechino 2008 dedica nella homepage uno spazio di riguardo ai tre giorni di lutto nazionale. «Tre giorni di lutto in onore delle vittime del terremoto nella contea di Wenchuan e nella provincia del Sichuan» recita un vistoso banner in bianco e nero ornato con una semplice candela, mentre il box generalmente utilizzato per le notizie sulle imminenti Olimpiadi riporta notizie e informazioni sulle aree distrutte dal sisma. Di concerto con le autorità cinesi, il comitato organizzatore dei Giochi di Pechino ha inoltre disposto la sospensione del già travagliato viaggio della torcia olimpica.

Il portale della società The9, distributrice in Cina del fortunato videogioco World of Warcraft e di Fifa Online 2, ha sospeso interamente le propie attività, aderendo totalmente ai tre giorni di lutto con tutti i suoi siti Web satellite. Gli utenti dei portali sono invitati a riflettere sulla devastazione del Sichuan e ad agire con donazioni e contribuiti per alleviare le sofferenze dei superstiti, sul cui numero aleggiano ancora cifre fortemente discordanti. Anche QQ, il portale del principale sistema di messaggistica istantanea cinese, aderisce ai tre giorni di lutto nazionale offrendo principalmente le notizie sul sisma e le informazioni necessarie per le donazioni. Le news legate all’intrattenimento sono comunque accessibili senza particolari limitazioni, almeno al di fuori della Cina.

L’imposizione del lutto anche sul Web, con criteri e dinamiche simili a quelli degli old media, non è una procedura cui gli internauti occidentali sono particolarmente avvezzi. Ciò dimostra come il governo di Pechino sia in grado di controllare buona parte della Rete in lingua cinese o, per lo meno, di applicare forti pressioni sugli operatori online per vedere soddisfatte le proprie richieste. Tuttavia, in questo specifico caso, le limitazioni imposte dal governo della Cina vanno inquadrate in un momento estremamente duro e difficile per l’intera nazione, che ha dovuto fronteggiare un’emergenza colossale approntando soccorsi e aiuti in pochissimi giorni per centinaia di migliaia di persone. A differenza di quanto si potesse immaginare, le maglie della censura si sono mostrate meno strette del solito, specialmente in Rete, lasciando ampio spazio d’azione agli utenti del Web 2.0 cinese, che hanno avviato un flusso continuo di informazione sul Sichuan e sui soccorsi. La speranza è che, terminata l’emergenza, gli internauti non vengano nuovamente privati delle loro piccole libertà conquistate online.

Video:Alibaba porta in Cina il distributore di automobili