TouchWall, il multitouch da parete secondo Microsoft

Microsoft, dopo aver presentato Surface, mostra una nuova tecnologia denominata TouchWall. In pratica si tratterebbe di un Surface da parete ma in realtà alla base ci sono tecnologie sostanzialmente differenti. TouchWall, al contrario di Surface, che utilizza un sistema multitouch basato su sensori in grado di percepire cosa avviene sulla superficie, utilizza tre raggi ad

Microsoft, dopo aver presentato Surface, mostra una nuova tecnologia denominata TouchWall. In pratica si tratterebbe di un Surface da parete ma in realtà alla base ci sono tecnologie sostanzialmente differenti.

TouchWall, al contrario di Surface, che utilizza un sistema multitouch basato su sensori in grado di percepire cosa avviene sulla superficie, utilizza tre raggi ad infrarossi che scansionano la superficie sulla quale viene proiettata l’immagine. Quando qualcosa viene a frapporsi tra i raggi e la superficie, una telecamera restituisce le informazioni ad un software denominato Plex.

Il particolare funzionamento di TouchWall, consentirebbe di trasformare qualunque superficie in una interfaccia multitouch.

Nella dimostrazione svoltasi il 14 maggio, sono stati impiegati: un PC dotato di sistema operativo Windows Vista e software Plex, uno schermo in plexiglass, un proiettore, una videocamera ad infrarossi e tre laser ad infrarossi.

Peculiarità di TouchWall sarebbero i costi, decisamente più contenuti rispetto a Surface, tuttavia Microsoft ha dichiarato di non avere intenzione di commercializzare, almeno per il momento, TouchWall.

Di seguito il video con la dimostrazione:

Ti potrebbe interessare
Nuovi Macbook Air e Mac Pro in arrivo a giorni
Apple

Nuovi Macbook Air e Mac Pro in arrivo a giorni

È da tempo che se ne parla e pare che l’ora stia finalmente per scoccare. Ora che Lion è ufficialmente in dirittura d’arrivo, Apple scalda i motori del marketing per il rilascio – probabilmente entro questa settimana – delle nuove generazioni di MacBook Air e Mac Pro. A provarlo, la comparsa sul Web dei codici

Il coniglio che non mantiene le promesse
Web e Social

Il coniglio che non mantiene le promesse

C’era una volta un coniglio che si chiamava Nabaztag. Prometteva di fare tante cose, ma secondo Altroconsumo era in grado di farne molte meno. Così, un giorno, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato iniziò le sue indagini in merito