Fujifilm FinePix A850, compatta dalle buone prestazioni

Fujufilm annuncia una nuova fotocamera digitale entry-level, FinePix A850.La A850 presenta il processore Image Intelligence che, abbinato alla lente Fujinon con zoom ottico 3X, permette di creare immagini di qualità senza metter mano a troppi parametri: queste due caratteristiche contribuiscono, inoltre, a fare della A850 uno strumento ideale per principianti.A conferma di ciò c’è anche

Fujufilm annuncia una nuova fotocamera digitale entry-level, FinePix A850.

La A850 presenta il processore Image Intelligence che, abbinato alla lente Fujinon con zoom ottico 3X, permette di creare immagini di qualità senza metter mano a troppi parametri: queste due caratteristiche contribuiscono, inoltre, a fare della A850 uno strumento ideale per principianti.

A conferma di ciò c’è anche la possibilità di scegliere tra 14 modalità di scatto predefinite ottimizzate per vari tipi di situazioni. Esaminiamo tuttavia ulteriori specifiche:

  • Sensore di 8.1 Megapixel;
  • Display LCD da 2,5″;
  • Sensibilità fino a ISO 800;
  • 24 MB di memoria interna espandibile.

La FinePix A850 è in grado di registrare anche clip video a 30 fps con audio mono; l’alimentazione è invece provveduta da due batterie stilo alcaline incluse.

Disponibile da Luglio, si conoscerà il prezzo di questa fotocamera solamente in prossimità dell’uscita nei negozi.

Ti potrebbe interessare
Microsoft vuole usare il cloud computing per riscaldare le abitazioni
Microsoft

Microsoft vuole usare il cloud computing per riscaldare le abitazioni

Tutte le principali aziende hanno ormai uno o più servizi basati sul cloud computing, ovvero servizi che gli utenti utilizzano mediante l’accesso remoto ai data center. In un documento pubblicato da Microsoft Research viene ipotizzato un uso migliore per queste “fornaci di dati”: i server possono essere posizionati direttamente negli edifici residenziali e negli uffici,

Microsoft blocca AutoPatcher
Software e App

Microsoft blocca AutoPatcher

Con una mossa a sorpresa Microsoft è intervenuta per bloccare AutoPatcher, la popolare raccolta di patch per i sistemi operativi Windows. La giustificazione apportata sarebbe relativa al rischio di veicolare attraverso la raccolta del codice malevolo