Centrino 2 va a braccetto con SSD

Secondo indiscrezioni circolanti in Rete, Intel sarebbe pronta a includere nella nuova piattaforma Centrino 2, nome in codice Montevina, unità di archiviazione di tipo SSD.La piattaforma Montevina sarà caratterizzata da processori Intel Core 2 Duo a 45 nanometri abbinati a chipset GM45, GM47 e PM45 (GM45 e GM47 integreranno grafica DX10 grazie al core grafico

Secondo indiscrezioni circolanti in Rete, Intel sarebbe pronta a includere nella nuova piattaforma Centrino 2, nome in codice Montevina, unità di archiviazione di tipo SSD.

La piattaforma Montevina sarà caratterizzata da processori Intel Core 2 Duo a 45 nanometri abbinati a chipset GM45, GM47 e PM45 (GM45 e GM47 integreranno grafica DX10 grazie al core grafico X4500HD) con FSB di 1066MHz e 667MHz. Per quanto riguarda la memoria, saranno compatibili moduli DDR2 o DDR3 mentre il wireless prevederà 802.11a/b/g/n più un eventuale supporto al WiMAX.

I dischi SSD a quanto pare verranno distribuiti solo in un secondo momento rispetto al debutto della piattaforma Centrino 2 che è infatti prevista per il mese di Giugno al contrario della commercializzazione dei dischi SSD prevista per la fine del terzo trimestre 2008.

I dischi saranno di due famiglie, entrambe con interfaccia SATA e capienza da 80GB ma con form factor differente. Client X25-M sarà la soluzione da 2.5″ mentre Client X18-M quella da 1,8″.

Per la fine dell’anno inizierà poi la commercializzazione di dischi da 160GB mentre per quelli da 250GB sarà necessario attendere fino a circa metà 2009.

Ti potrebbe interessare
Al via le sperimentazioni di Network Management per Telecom Italia
Prezzi e tariffe

Al via le sperimentazioni di Network Management per Telecom Italia

La quantità di traffico generato dalle reti Internet è sempre maggiore e i provider devono spesso trovare rapidamente delle soluzioni volte ad impedire improvvise saturazioni che andrebbero a pregiudicare la qualità delle connessioni con ovvie ripercussioni sulla soddisfazione della clientela.Proprio per questo, Telecom Italia ha deciso di sperimentare alcune tecniche di Network Management, cioè degli

Belgio: la Corte Europea rivedrà il caso Sabam-Scarlet
Prezzi e tariffe

Belgio: la Corte Europea rivedrà il caso Sabam-Scarlet

Lunedì abbiamo parlato di ingenuità legali nel nostro paese. Come è noto, però, l’argomento P2P provoca strascichi curiosi un po’ in tutto il mondo. Ad esempio, dopo tanti anni il Belgio ha chiesto alla Corte di Giustizia della Comunità Europea di rivedere il caso Sabam-Tiscali.Nel 2007, l’associazione delle lobby pro diritto d’autore aveva ottenuto dal

Con Chrome, su Webnews
Software e App

Con Chrome, su Webnews

A distanza di pochi giorni dal lancio del browser di casa, Google Analytics ha compreso Chrome tra i browser presi in considerazione tra le statistiche ed è dunque ora possibile valutare in che misura il navigatore è stato adottato dall’utenza (particolarmente “avanzata”, va detto) del nostro sito. Altro che l’1% stimato a livello generale…In media

Youtube respinge le accuse di Mediaset
youtube

Youtube respinge le accuse di Mediaset

Non si è fatta attendere poi molto la risposta da parte di Google alle accuse provenienti da Mediaset.In una nota il motore di ricerca dice che Youtube rispetta il copyright e non vede il motivo per cui Mediaset ha richiesto il risarcimento.

Lifebook S7210 con UMTS/HSUPA e EcoButton
fujitsu intel umts

Lifebook S7210 con UMTS/HSUPA e EcoButton

Si apre il VISIT 2007, il forum IT di Fujitsu Siemens Computers, in cui l’azienda spiega come sia possibile conciliare obiettivi di business e tematiche ambientali attraverso prodotti, soluzioni e servizi IT intelligenti. In questa edizione, il colosso tedesco-nipponico, ha presentato il nuovo notebook di fascia business da 14 pollici Lifebook S7210 che si contraddistingue

Nuovo record, Vista crasha in 10 secondi
Microsoft

Nuovo record, Vista crasha in 10 secondi

A fine giugno è apparso su InformationWeek un articolo cui Alexandre Wolfe spiega come crashare Vista in 10 secondi. Naturalmente la notizia incuriosisce, se non altro per la speranza di poter vedere l’aspetto di quelle che un tempo erano le schermate blu di Windows.Il trucco usato dall’autore dell’articolo è semplice e sfruttato come sempre in