Riflessioni sulla convergenza digitale

Vorrei riflettere insieme ai lettori su un argomento molto in voga nell’ultimo periodo a cui sono interessato attivamente, lavorando quotidianamente nel campo. L’argomento che vorrei trattare è quello della convergenza digitale.Citando Wikipedia, ecco la definizione di convergenza digitale:In ambito multimediale la convergenza è l’unione, resa possibile dalla tecnologia digitale, di tanti strumenti atti a erogare

Vorrei riflettere insieme ai lettori su un argomento molto in voga nell’ultimo periodo a cui sono interessato attivamente, lavorando quotidianamente nel campo. L’argomento che vorrei trattare è quello della convergenza digitale.

Citando Wikipedia, ecco la definizione di convergenza digitale:

In ambito multimediale la convergenza è l’unione, resa possibile dalla tecnologia digitale, di tanti strumenti atti a erogare informazione. Convergenza significa utilizzare una sola interfaccia per tutti i servizi di informazione: educazione, sorveglianza, commercio, servizi bancari, intrattenimento, ricerche, medicina, ecc.

Le domande che mi pongo quotidianamente sono:

  • la gente comune percepisce il concetto di convergenza digitale?;
  • quanto è penetrata nella vita comune della gente?.

Sarebbe interessante capire l’opinione di voi lettori su questo argomento e sentire i vostri possibili spunti.

Ti potrebbe interessare
ASUS Eee Keyboard negli USA da fine aprile
Imaging

ASUS Eee Keyboard negli USA da fine aprile

È stata ufficializzata nelle ore scorse la commercializzazione, prevista per la fine di aprile inizialmente negli Stati Uniti, di ASUS Eee Keyboard, un particolare dispositivo che integra tutte le tradizionali componenti di una soluzione portatile all’interno della scocca di una tastiera, affiancata da un display LCD da 5 pollici con supporto agli input multitouch. Di

Steve Ballmer parla di Windows 7 Beta e altre novità
Microsoft

Steve Ballmer parla di Windows 7 Beta e altre novità

È stato il CES di Las Vegas ancora in corso a fare da palco alla presentazione di Windows 7. Perfettamente calato nel ruolo di oratore, Steve Ballmer ha infatti elencato le qualità che vedremo già dalla prima Beta del successore di Vista.Si parla di maggiore velocità e reattività, oltre che a minori richieste in termini