Seagate Momentus 7200.3: novità per gli hard disk da 2.5″

Nel corso di questo duemilaotto stiamo assistendo a un crescendo di annunci di nuove unità Solid State Disk, principalmente in realizzate in formato da 2.5″, e il connubio tra notebook e SSD comincia a rendersi possibile a prezzi sempre meno esagerati.Non è difficile immaginare che il continuo abbassamento dei prezzi delle unità SSD porterà prima

Nel corso di questo duemilaotto stiamo assistendo a un crescendo di annunci di nuove unità Solid State Disk, principalmente in realizzate in formato da 2.5″, e il connubio tra notebook e SSD comincia a rendersi possibile a prezzi sempre meno esagerati.

Non è difficile immaginare che il continuo abbassamento dei prezzi delle unità SSD porterà prima o poi a una battaglia per accaparrarsi la più grossa fetta di mercato nel settore storage: per questo motivo i maggiori produttori di hard disk stanno ampliando la loro offerta innalzando sempre più gli standard di riferimento di prestazioni e affidabilità mantenendo prezzi concorrenziali.

Seagate dopo le sue dichiarazioni a proposito dei Solid State Disk continua sulla sua linea a favore degli hard disk tradizionali, presentando la nuova gamma di hard disk Momentus 7200.3.

I possessori di notebook desiderano ogni bit di capacità, prestazioni e affidabilità che un PC desktop è in grado di offrire. Il nuovo hard disk Momentus 7200.3 semplifica l’obiettivo di Seagate di fornire tecnologie di stoccaggio dei dati all’avanguardia che consentano di spostare, usare e proteggere informazioni digitali in casa, in ufficio e in giro.

È con queste parole che Michael Wingert, vice presidente esecutivo di Seagate, presenta la nuova linea di Momentus che va ad ampliare la proposta di hard disk da 2.5″ operanti a 7200 giri al minuto che, allo stato attuale, offrono le maggiori prestazioni in questo settore.

Qui di seguito sono elencate le caratteristiche e i principali vantaggi introdotti nei nuovi Momentus, adesso disponibili fino al taglio di 320GB, valore record per dischi da 7200 rpm.

  • Velocità di rotazione dei piatti di 7200 giri al minuto;
  • Disponibile nei tagli da 320, 250, 160, 120 e 80 gigabyte;
  • Interfaccia Serial-ATA con supporto Native Command Queuing (NCQ);
  • 16MB di memoria cache integrata;
  • Sensore di caduta G-Force Protection, capace di rilevare cadute anche da 20 centimetri di altezza;
  • Avanzate funzioni di risparmio energetico tramite gestione intelligente delle parti meccaniche in movimento;
  • Tecnologia QuietStep, capace di abbattere le emissioni acustiche dell’unità;
  • Tecnologia Perpendicular recording.

Seagate annuncia che Dell e Alienware saranno i primi partner a offrire notebook ad alte prestazioni equipaggiati con le soluzioni di storage basate su Momentus 7200.3, in particolare con il modello da 320GB che rappresenta il top della gamma.

Ti potrebbe interessare
POF, fibra ottica low cost per l’internet superveloce?
Fibra ottica

POF, fibra ottica low cost per l’internet superveloce?

Una delle difficoltà maggiori delle NGN, cioè le tanto attese reti di seconda generazione in fibra ottica, sono gli elevatissimi costi che dipendono proprio dall’utilizzo della fibra. E se ci fosse la possibilità di abbattere questi costi? La risposta a questa domanda arriva da un progetto condotto dall’università di Bologna e da un’università olandese il

Gli SSD di OCZ raggiungono i 480 GB di capacità

Gli SSD di OCZ raggiungono i 480 GB di capacità

Una delle caratteristiche migliori dei tradizionali hard disk magnetici è sicuramente la capacità più elevata rispetto ai drive a stato solido. Con la riduzione dei costi di produzione questo vantaggio è destinato a ridursi, anche se occorrerà molto tempo.OCZ Technology, una delle aziende leader sul mercato degli SSD, ha annunciato l’arrivo di due modelli da

Il New York Times da gennaio a pagamento
Web e Social

Il New York Times da gennaio a pagamento

Questa volta si fa sul serio. Benché si parli da mesi della possibilità che alcune grandi testate giornalistiche statunitensi possano far pagare per accedere ai propri contenuti online, fino a oggi non si registrano esempi eclatanti di questa nuova politica economica. A inaugurare le danze, da gennaio, sarà la versione online del New York Times.Stando

Fennec per Android arriva su Motorola Milestone, ma non è ufficiale
Android

Fennec per Android arriva su Motorola Milestone, ma non è ufficiale

Sono passati solo pochi giorni da quando Mozilla si è pronunciata ufficialmente in merito all’abbandono del progetto Fennec per quanto riguarda gli smartphone equipaggiati con sistemi operativi Windows Mobile e Windows Phone 7, ed ecco che il browser fa capolino su un dispositivo Android, più precisamente sul Motorola Milestone (Droid, negli Stati Uniti).Non si tratta

iTunes Plus fa scegliere le tracce da aggiornare
Apple

iTunes Plus fa scegliere le tracce da aggiornare

Fino a poche ore fa, per convertire i brani acquistati su iTunes Store nel nuovo formato privo di DRM iTunes Plus, vigeva la politica Apple del “tutto o niente”, cioè si era costretti ad aggiornare (pagando) ogni singola traccia protetta.Da ora in avanti le cose cambiano, ed è possibile scegliere le tracce da modificare una

Get Outdoors Georgia: dimagrire con l’informazione
Web e Social

Get Outdoors Georgia: dimagrire con l’informazione

L’obesità è da tempo un problema, specialmente negli Stati Uniti, dove negli ultimi anni il numero di persone con “problemi di peso” sta andando via via incrementandosi, raggiungendo cifre che destano preoccupazione. Secondo un sondaggio condotto da “Trust for America’s Health” nel 2007 la Georgia è uno degli stati più “grassi” d’America con più del

Microsoft: PC equo solidali in Africa
Software e App

Microsoft: PC equo solidali in Africa

Microsoft lancia in Uganda il progetto Green Computers appoggiato dall’Organizzazione per lo Sviluppo Industriale nelle Nazioni Unite, volto a recuperare i computer usati e a riciclarli, oppure, quando possibile, rivenderli a prezzi più accessibili

Nuovo Bug per Skype
skype

Nuovo Bug per Skype

Leggo sui vari blog che in queste ore è stato scoperto un nuovo bug per il celebre software Skype, ereditato da Internet Explorer.In pratica il bug permette di eseguire sulla macchina dell’utente del codice arbitrario da Internet Explorer sulla “local zone” ossia quella zona di IE considerata sicura.