QR code per la pagina originale

Come raggiungere la nuova generazione?

,

Una regola fondamentale del marketing riguarda l’importanza e la capacità di raggiungere il proprio pubblico di riferimento, il target. Raggiungerlo significa ottenere la sua attenzione e, concretamente, vendere.

Tra i vari gruppi, la fascia giovanile si denota sicuramente sia tra le più “appetibili” sia tra le più difficili da intercettare. Non è un caso allora che il Washington Post si chieda “Che viene dopo la generazione X?” (vedi anche articolo su Repubblica).

Questa nuovo, “sconosciuto” target riguarda i nati tra il 1978 e il 2002, con età compresa quindi tra i 16 e i 30 anni. Cito:

Questi giovani connessi h24, protagonisti nelle comunità on line, dotati di io-virtuale su Second life, non hanno smarrito la voglia di partecipare, ma in gruppi ristretti, in piccole tribù nomadi.[..] Sfuggono alle classificazioni perché rispetto ai fratelli più grandi o ai genitori hanno un ventaglio maggiore di possibilità, così ognuno costruisce un percorso personale fatto di passioni e interessi”, racconta il sociologo dei consumi Vanni Codeluppi. “A differenza dei baby boomers, sono nati in una società che non promette loro un futuro, vivono in uno scenario cupo, crescono in una situazione di crisi delle prospettive, ma cercano soluzioni di reazione, conservano un atteggiamento pragmatico, ottimista. [..] “Questi giovani non risentono della crisi, resta la tendenza a coccolarli e accudirli, vivono in famiglia e continuano a spendere, sono consumatori privilegiati”[..]” Il mercato non li perde mai d’occhio, cerca di conquistarli, di accaparrarseli.”

E ora vi chiedo: come raggiungere questo target? Con quali mezzi, strumenti e messaggi?