Intel Core i7: ecco il nome commerciale di Nehalem

Nel corso del mese di Agosto, Intel ha svelato il nome commerciale con il quale verranno lanciati sul mercato i processori basati sulla nuova microarchitettura Nehalem: Intel Core i7.I primi modelli, disponibili verso la fine dell’anno, apparterranno alla famiglia Extreme Edition. Nel corso del 2009, invece, verranno presentati i modelli della famiglia High Performance.I loghi

Nel corso del mese di Agosto, Intel ha svelato il nome commerciale con il quale verranno lanciati sul mercato i processori basati sulla nuova microarchitettura Nehalem: Intel Core i7.

I primi modelli, disponibili verso la fine dell’anno, apparterranno alla famiglia Extreme Edition. Nel corso del 2009, invece, verranno presentati i modelli della famiglia High Performance.

I loghi che identificano le due famiglie di CPU si distingueranno per il colore dello sfondo: blu per High Performance, nero per Extreme Edition.

Inoltre, come già avviene per gli attuali Core 2, ogni processore avrà un model number, assegnato in base alle specifiche tecniche e al livello prestazionale.

Tra le novità della nuova architettura segnaliamo: il ritorno della tecnologia HyperThreading che permetterà ai processori quad core di gestire fino a otto threads in parallelo; il nuovo bus seriale QuickPath Interconnect che prenderà il posto dell’attuale Front Side Bus per il collegamento tra chipset e CPU; l’integrazione del controller di memoria triple-channel all’interno del processore con la possibilità di installare fino a sei moduli di memoria DDR3 a 1600 MHz.

Ti potrebbe interessare
Vivendi e Activision, via alla fusione
Business

Vivendi e Activision, via alla fusione

Dalla fusione del settore gaming di Vivendi e Activision nasce il colosso dei videogiochi Activision Blizzard. L’operazione da 19 miliardi di dollari darà vita a un nuovo agguerrito competitor pronto a insidiare Electronic Arts

UE, nessun reclamo Adobe contro Microsoft
Software e App

UE, nessun reclamo Adobe contro Microsoft

La Commissione Europea ha fatto sapere che Adobe non avrebbe avanzato alcun reclamo avverso a Microsoft circa la questione dei PDF sul prossimo Windows Vista. La conferma arriva da Reuters ed era nell’aria da giorni in quanto da Adobe non veniva avanzato alcun passo formale e la vicenda sembrava essere rimasta sospesa per aria senza