QR code per la pagina originale

Quando Google blocca il download di Chrome

Il motore di ricerca di Mountain View impedisce il download del suo browser Chrome in paesi come Siria, Cuba, Iran, Corea del Nord. Google motiva tale scelta con la necessità di osservare le leggi USA sui rapporti commerciali, ma l'advertising pare esente

,

Google impedisce l’utilizzo di Chrome in alcuni paesi come Siria e Iran. A circa un mese dal suo debutto, il browser concepito dagli sviluppatori di Mountain View torna a far parlare di sé e non per le sue qualità, ma per le curiose politiche adottate dalla società del famoso motore di ricerca in alcuni angoli del mondo.

Grazie alla segnalazione di un suo lettore siriano, il sito di informazione online Mediashift ha appreso che il nuovo browser di Google non può essere scaricato su un computer collegato dalla Siria. Dotato di regolare account registrato sul sito del motore di ricerca, l’utente ha provato più volte a scaricare il file di installazione di Chrome, ricevendo sempre un messaggio di errore che impediva l’avvio del download. Incuriosito dalla anomalia, l’utente ha poi provato a scaricare altre applicazioni come Google Talk e Gmail Notifier, ricevendo sempre il medesimo errore.

Inizialmente si pensava che il fenomeno, segnalato da numerosi utenti siriani, fosse dovuto a una particolare decisione assunta dal governo della Siria, che già in altre occasioni aveva provveduto a oscurare siti Web molto famosi come Facebook e applicazioni come Skype. Ma una breve indagine ha messo, invece, in evidenza una responsabilità diretta da parte di Google nell’impedire il download del suo Chrome e di altri software dal paese mediorientale. Stando alle informazioni fornite dalla società di Mountain View, tale politica sarebbe dettata dalle attuali leggi vigenti negli Stati Uniti per i rapporti commerciali con l’estero.

Il governo statunitense, infatti, vieta alle compagnie registrate nel suo territorio di avere scambi commerciali con i paesi verso i quali vige una sorta di embargo. Per questo motivo, oltre alla Siria, Google impedisce il download dei suoi applicativi in numerosi altri paesi come Cuba, Corea del Nord, Iran e Sudan. Il blocco, effettuato sulla base degli IP degli utenti, può naturalmente essere aggirato tramite l’utilizzo di un proxy, che consente di mascherare il proprio indirizzo IP simulando la connessione da un paese in cui non sussistono limitazioni commerciali.

La politica adottata da Google nei paesi verso i quali gli Stati Uniti vietano rapporti commerciali non appare, però, particolarmente cristallina. Stando alle informazioni fornite da alcuni utenti, gli annunci pubblicitari del famoso motore di ricerca funzionerebbero regolarmente, così come gli account AdSense. Al momento della registrazione, pare che la barriera geografica possa essere facilmente aggirata inserendo un differente paese di residenza. Un piccolo escamotage, probabilmente illegale, che ancora una volta dimostra come la Rete possa essere veramente senza confini.