Google e Book-Search, successo annunciato

Il numero degli editori che collaborano al servizio di book-search di Google è raddoppiato, salendo a 20mila, il doppio del 2007.Nel 2004 gigante del Web provocò una sollevazione nel settore editoriale, tra editori e biblioteche, nel timore che Google intendesse distribuire gratuitamente tutti i libri pubblicati.Dal allora però, 20mila editori, cioè il doppio rispetto allo

Il numero degli editori che collaborano al servizio di book-search di Google è raddoppiato, salendo a 20mila, il doppio del 2007.

Nel 2004 gigante del Web provocò una sollevazione nel settore editoriale, tra editori e biblioteche, nel timore che Google intendesse distribuire gratuitamente tutti i libri pubblicati.

Dal allora però, 20mila editori, cioè il doppio rispetto allo scorso anno, hanno dato a Google il permesso di passare allo scanner i loro volumi per consentire ai potenziali acquirenti di leggerne qualche passaggio relativo alle loro ricerche Internet (books.google.it).

Google collabora anche con biblioteche universitarie e di riferimento per digitalizzare le opere che non sono protette dal diritto d’autore e, cosa che provoca qualche controversia, alcuni scritti ancora sotto copyright nelle biblioteche USA, ma sono solo due le nuove biblioteche che hanno aderito al progetto nell’ultimo anno, portando il numero totale a 29.

Tra gli editori che hanno deciso di collaborare con Google, c’è la Random House del gruppo Bertelsmann, il più grande editore di narrativa.

Dal 2005 Google ha intrapreso battaglie legali con una serie di editori USA per la sua pratica di digitalizzare libri protetti da copyright senza autorizzazione dei titolari dei diritti d’autore ma passando attraverso le biblioteche.

Il numero ufficiale di libri digitalizzati da Google è superiore a un milione, ma un dirigente della Internet company, presente alla Fiera del Libro di Francoforte, ha ammesso che in realtà i titoli scannerizzati sono molti di più, pur senza fornire informazioni più precise.

Il rappresentante di Google ha anche escluso che la società intenda produrre e vendere lettori di ebook, come il Reader di Sony o il Kindle di Amazon.

Ti potrebbe interessare
WePad: video prova del nuovo tablet Android
Android

WePad: video prova del nuovo tablet Android

WePad è un tablet che si candida a diventare un serio rivale dell’Apple iPad. Dopo averlo visto brevemente in azione alla sua presentazione, ecco alcune video prove più complete.WePad monterà di serie Android e la piattaforma hardware scelta sarà Intel, per la precisione verrà utilizzato il processore Atom da 1,66 GHz. Lo schermo capacitivo multitouch

BenQ presenta due proiettori HD: il W6000 e il W1000
benq videoproiettore

BenQ presenta due proiettori HD: il W6000 e il W1000

Continuano ad arrivare novità interessanti dal Top Audio Video Show di Milano, si tratta dei nuovi BenQ W6000 e W1000.I due nuovi proiettori garantiscono il supporto alla tecnologia DLP e soprattutto sono compatibili con l’alta definizione. Due aspetti che già da soli rendono questi due prodotti particolarmente interessanti per tutti gli appassionati dell’home video di

Come cambiare colore ai capelli con Photoshop
Imaging

Come cambiare colore ai capelli con Photoshop

Photoshop permette di ottenere molti effetti sulle immagini e sulle foto, basta lasciare libero sfogo alla nostra fantasia. Per esempio possiamo fare uno scherzo agli amici o divertirci a colorare i volti come più ci piace. Possiamo anche cambiare colore ai capelli. Vediamo come si fa col video che segue.

Anche AMD punta ai 45 nanometri
amd intel ram

Anche AMD punta ai 45 nanometri

AMD, recentemente soffocata dalla concorrenza di Intel, ha deciso di attrezzare le proprie fabbriche di Dresda per la produzione di chip a 45 nanometri.Nella seconda metà del 2008, con circa 6 mesi di ritardo rispetto alla Intel e 12 mesi dopo l’adozione del processo produttivo a 65 nanometri, AMD commercializzerà CPU costruite con processo produttivo