Il MiniDisc di Sony, una tentata rivoluzione

Il walkman e le audiocassette rappresentarono un successo strepitoso per la casa nipponica Sony negli anni ’80, ma non fu altrettanto per ciò che fu designato come loro naturale successore: stiamo parlando dei MiniDisc. Il MiniDisc è un supporto di memorizzazione audio magnetico-ottico notevolmente più piccolo del CD-ROM, lanciato nel mercato nel 1992 da Sony,

Il walkman e le audiocassette rappresentarono un successo strepitoso per la casa nipponica Sony negli anni ’80, ma non fu altrettanto per ciò che fu designato come loro naturale successore: stiamo parlando dei MiniDisc.

Il MiniDisc è un supporto di memorizzazione audio magnetico-ottico notevolmente più piccolo del CD-ROM, lanciato nel mercato nel 1992 da Sony, dalla capienza di circa 145 MB e totalmente riscrivibile.

Il formato di compressione utilizzato era l’ATRAC, simile all’MP3, anch’esso di tipo lossy, che eliminando i suoni non percepibili all’orecchio umano riduce il peso del file senza perderne qualità sonora.

Negli anni successivi alla sua commercializzazione furono sviluppati diversi modelli di lettori che sfruttavano l’evoluzione del formato ATRAC: nel 2000 l’ATRAC3 e nel 2004 l’ATRAC3plus, che ne migliorarono la qualità di compressione, velocizzarono le fasi di lettura/scrittura arrivando fino ad 1GB di memoria.

Inoltre fu introdotta la possibilità di usufruire di un computer per trasferire musica sull’apparecchio tramite una porta USB oltre che estendere la possibilità di memorizzazione con formati differenti da quello audio, come per esempio le foto.

Il MiniDisc costituiva un netto taglio con il passato, in quanto a differenza dell’audiocassetta sequenziale, questo nuovo strumento (dotato per altro di un sistema anti-shok) utilizzava le tracce audio, permettendo quindi un accesso rapido ai brani.

Proprio per questi motivi Sony puntava molto su questo nuovo e innovativo supporto (tanto da arrivare a sponsorizzarlo sulla maglia della Juventus): rappresentava una delle ultime frontiere della portabilità oltre che degli degli strumenti HiTech audio, proprio come fu il walkman qualche anno addietro.

Purtroppo però i sogni di gloria del MiniDisc rimasero tali a causa dell’enorme successo dei lettori MP3, notevolmente più funzionali e qualitativamente superiori: così il prodotto di sono di Sony dovette arrendersi alla vigorosità del nuovo giunto (per l’appunto l’MP3) che, come ben sappiamo, conquisterà e digitalizzerà gli anni a venire.

Ti potrebbe interessare
Lenovo: due tablet Android entro l’estate
Google

Lenovo: due tablet Android entro l’estate

Il già ampio parco di tablet dotati di un cuore Android si andrà ad arricchire ulteriormente nel corso dell’estate con due nuovi dispositivi realizzati da Lenovo. Uno di questi sarà dedicato ai consumatori, mentre l’altro più adatto a un uso commerciale.

Micral, il primo “microcomputer”

Micral, il primo “microcomputer”

Secondo l’autorevole fonte del “Computer History Museum”, il Micral-N è stato il primo personal computer commerciale basato su un microprocessore e venduto già assemblato, a dispetto dell’immaginario collettivo che vede nel “MITS Altair 8800” e nell’Apple I i primi home computer. Lo stesso termine “Microcomputer” apparve per la prima volta sulla stampa, proprio in riferimento

Amstrad CPC 464, il rivale di Commodore 64 e Spectrum

Amstrad CPC 464, il rivale di Commodore 64 e Spectrum

Nel 1984 anche l’azienda inglese Amstrad si affaccia sul mercato degli home computer, “sfornando” l’esemplare che diede il via alla realizzazione di una serie di PC a 8 bit protrattasi fino ai primi anni ’90. Si tratta, nello specifico, del modello CPC 464, dove la sigla CPC è l’acronimo di “Colour Personal Computer” e la

tmsnc: un messenger da terminale
Apple

tmsnc: un messenger da terminale

Windows Messenger non vi soddisfa? aMSN fa le bizze? Adium non è quello che volevate? Il terminale è la vostra passione? E allora credo che dobbiate provare questo tmsnc un client MSN basato su testo che gira direttamente sulla shell. Progetto chiaramente opensource e compatibile con MacOS, Linux e BSD, tmsnc è un client molto

SLI e Crossfire pronti per DirectX 10
directx schedagrafica

SLI e Crossfire pronti per DirectX 10

Con l’uscita di Windows Vista la Microsoft ha subito messo in evidenza l’ottima propensione del sistema al videogioco, soprattutto per l’introduzione delle nuove API DirectX 10, ma, sfortunatamente, i fanatici del settore erano rimasti a bocca asciutta per l’assenza di significanti benefici nell’utilizzo di costosi sistemi SLI e Crossfire. Solo nelle ultime settimane si è