QR code per la pagina originale

Windows Azure OS un sistema operativo tra le nuvole

,

Windows Azure, l’implementazione del cloud computing secondo Microsoft, è stato annunciato durante il keynote del lunedì del PDC (i colleghi di Webnews ne hanno già offerto una parodia). Il nuovo sistema è essenzialmente una suite di servizi, inclusa l’elaborazione in modalità virtualizzata, storage scalabile e un servizio automatico di gestione dei servizi.

I servizi che saranno ospitati includono MSN, Xbox Live e Office Online. La prima Community Tech Preview è già disponibile.

Per ora le uniche notizie che si sanno su Azure sono:

  • Il team di Azure OS sta lavorando a stretto contatto con il Core OS Team e ci sono delle influenze tra i due gruppi. Per esempio, una delle novità di Windows 7 è l’incremento del numero di processori/core che possono essere usati, questa caratteristica verrà sfruttata anche dal team di Azure OS. Al contrario, Azure introdurrà alcune caratteristiche avanzate di HyperV, per esempio il supporto alla virtualizzazione hardware; queste caratteristiche verrano implementate anche dal Core OS group e potrebbero diventare parte delle future release di Windows Server e HyperV;
  • Azure sarà disponibile per gli sviluppatori immediatamente. I partecipanti al PDC saranno i primi ad essere autorizzati a creare servizi, in seguito la sua disponibilità sarà allargata. La Microsoft ha sottolineata che questa versione è ancora prematura è che potrebbe cambiare anche radicalmente;
  • Azure sostituirà tutti servizi online di Microsoft, per esempio: Sharepoint Services, i vari servizi Windows Live, i servizi Exchange. Sebbene sia ancora in fase di sperimentazione, alcuni software già girano su Azure, per esempio Live Mesh utilizza il sistema di storage di Azure per il suo BLOB storage;
  • Sono già disponibili SDK per Java e Ruby. Questi SDK permettono a Java e Ruby di richiamare servizi .NET ospitati su Azure, ma non permettono (al momento) agli sviluppatori Java o Ruby di scrivere servizi ospitati sui datacenter Microsoft.

Con questa suite di servizi Microsoft spera di contrastare i servizi offerti da Amazon e Google App Engine.

È possibile visionare i vari keynote tramite il sito Microsoft Channel 9.