QR code per la pagina originale

Sony in crisi, ma il gaming regge

Profitti netti in calo di circa il 72% per Sony, sfavorita dalla difficile congiuntura economica e dallo Yen eccessivamente forte sul mercato dei cambi. Buone le prestazioni per la PlayStation 3, con vendite in crescita di 2,43 milioni di unità

,

Tempo di trimestrale di cassa e di bilanci per Sony. Il colosso dell’elettronica non vive un momento felice a causa dello Yen eccessivamente forte e del rallentamento globale dell’economia dovuto alla crisi finanziaria. I profitti della società giapponese sono così crollati di circa il 72% nel terzo trimestre del 2008, segnando una prestazione particolarmente negativa ma in certa misura già prevista.

Nel corso degli ultimi giorni, Sony aveva infatti rivisto al ribasso le sue stime di crescita fino al marzo del prossimo anno di circa il 58%. Una modifica dei piani resa necessaria dalle prestazioni deludenti in alcuni comparti specifici della multinazionale, tra cui spiccano il dinamico settore discografico, degli schermi LCD, delle videocamere. Il profitto netto della società si è attestato intorno ai 214 milioni di dollari, ben distante dai circa 760 milioni di dollari del terzo trimestre del 2007.

Nonostante un quadro fortemente negativo, Sony è riuscita a recuperare in alcuni settori delle sue innumerevoli attività come il gaming. La multinazionale giapponese ha ridotto le perdite nel comparto dei videogiochi grazie alle buone prestazioni della PlayStation 3 e alla sua crescita nelle vendite. Nel corso del terzo trimestre dell’anno in corso, Sony ha venduto circa 2,43 milioni di PS3 con un aumento delle consegne di circa l’85% rispetto al periodo di riferimento del 2007.

I dati promettenti nel comparto gaming sembrano aver indotto Sony a mantenere invariato il prezzo di vendita della sua console. Nonostante negli ultimi giorni fossero circolate in Rete voci insistenti su una possibile riduzione del prezzo in vista degli acquisti natalizi, la società giapponese ha per ora escluso tale eventualità. «Le pressioni giungono dai consumatori, naturalmente, e c’è sempre un po’ di pressione sui prezzi, ma noi dobbiamo pensare al nostro business e dobbiamo essere certi di fare la cosa giusta anche per gli azionisti. Al momento c’è un’opportunità di mercato per la PS3 e penso che per questo Natale, grazie alla qualità dei videogiochi in uscita, il prezzo della console non sarà per nulla un problema» ha dichiarato Ray Maguire, direttore del comparto Computer Entertainment di Sony, confermando sostanzialmente gli attuali prezzi della PS3.

Intanto, sul versante della concorrenza, Nintendo è al lavoro per l’imminente uscita dei dati sulla sua terza trimestrale. La società ha da poco previsto profitti intorno agli 1,7 miliardi di dollari per il periodo aprile – settembre 2007, con una crescita del 24,6% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Risultati considerevoli, resi possibili dalla buona prestazione delle vendite in crescita di circa il 19,5%.