Google e Yahoo potrebbero rompere gli accordi

Google e Yahoo potrebbero annunciare la decisione di interrompere il loro accordo a partire dalla metà della prossima settimana, ha riferito ieri il Wall Street Journal, citando persone vicine alla questione.Le due compagnie Internet non sono riuscite finora a raggiungere un accordo con il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per l’implementazione di una partnership

Google e Yahoo potrebbero annunciare la decisione di interrompere il loro accordo a partire dalla metà della prossima settimana, ha riferito ieri il Wall Street Journal, citando persone vicine alla questione.

Le due compagnie Internet non sono riuscite finora a raggiungere un accordo con il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per l’implementazione di una partnership in materia di pubblicità.

Questo mese le compagnie avevano dichiarato che avrebbero ritardato l’implementazione della loro partnership controversa, avviata a giugno, a causa delle trattative ancora in atto con gli enti regolatori.

L’accordo, che permetterebbe a Google di vendere pubblicità per alcuni degli spazi pubblicitari online di Yahoo, ha sollevato forti critiche dagli inserzionisti che temono un rialzo dei prezzi.

In agosto Google e Yahoo controllavano complessivamente più dell’80% del mercato delle ricerche sul Web, riporta comScore Inc e in quel periodo ci si aspettava che la conclusione dell’accordo sarebbe stata rimandata di meno di un mese.

Ma dopo l’incontro di ieri con il dipartimento di Giustizia, le compagnie potrebbero decidere di tirarsi indietro o annunciare una risoluzione dell’ultimo minuto, se una risoluzione sarà raggiunta, entro la settimana prossima, ha riferito il giornale.

Ti potrebbe interessare
Niente colpa per siti di scambio file
Prezzi e tariffe

Niente colpa per siti di scambio file

“Non appare possibile dare rilevanza ad un fenomeno assai diffuso, di difficile criminalizzazione ed avente accertamenti quasi impossibili in termini di raccolta della prova”.Codeste parole sono del pubblico ministero Paolo Giorgio Ferri, e nascono dopo l’archiviazione di una indagine contro ignoti, accusati di aver trasgredito il copyright di alcuni file.Il P2P non equivale a reato,

Sony, denunciato il partner dei rootkit
Business

Sony, denunciato il partner dei rootkit

Sony ha deciso di denunciare la compagnia che ha prodotto il rootkit dello scandalo utilizzato dalla major in 4 milioni di cd musicali. L’accusa è di aver sviluppato una tecnologia difettosa e il risarcimento richiesto ammonta a 12 milioni di dollari