Philips GoGear 2940, lettore MP3 con display OLED

È in dirittura d’arrivo un nuovo lettore MP3 in casa Philips: della nota linea GoGear è stato infatti presentato il modello 2940, primo della serie ad avere il display con tecnologia OLED, da 1,5″, che garantisce nitidezza e colori brillanti.Il design del GoGear 2940, di forma quadrata con angoli smussati, ricalca appieno quello dei suoi

È in dirittura d’arrivo un nuovo lettore MP3 in casa Philips: della nota linea GoGear è stato infatti presentato il modello 2940, primo della serie ad avere il display con tecnologia OLED, da 1,5″, che garantisce nitidezza e colori brillanti.

Il design del GoGear 2940, di forma quadrata con angoli smussati, ricalca appieno quello dei suoi predecessori: non sono stati ancora resi noti i numeri sulle dimensioni, ma dalle immagini il dispositivo sembra piuttosto maneggevole.

Le caratteristiche tecniche sono discrete, le stesse di un lettore MP3 di fascia media: supporto per file MP3, WAV e WMA, 4 GB di memoria, equalizzatore interno e possibilità di registrare audio; a chiudere il cerchio dovrebbe anche esserci spazio per una radio FM integrata e l’uscita USB indispensabile per caricare la musica dal PC.

Questo è quanto ci è giunto riguardo al lettore Philips GoGear 2940, non ci sono ancora notizie approfondite sugli accessori disponibili, la data di distribuzione e soprattutto il prezzo.

Ti potrebbe interessare
Core i7 e SSD per il nuovo notebook X460 di MSI
msi

Core i7 e SSD per il nuovo notebook X460 di MSI

MSI ha annunciato un nuovo notebook ultrasottile con uno spessore inferiore ai 2,5 centimetri e un peso di circa 2 Kg. L’MSI X460 ha un display da 14 pollici con risoluzione di 1.366×768 pixel ed integra processori Intel Core i5/i7. Le prestazioni possono essere incrementate aggiungendo un SSD opzionale da abbinare al disco rigido con

Il peggiore errore di Steve Jobs vale 10 miliardi
Business

Il peggiore errore di Steve Jobs vale 10 miliardi

Steve Jobs nel 2003 ha commesso il più grave errore della propria carriera. Il CEO Apple, ai tempi, non credeva ancora nella rivoluzione degli iPod ed ha così ridotto le proprie stock option. La decisione di allora vale oggi 10 miliardi di dollari in fumo