Apple pensa a un taglio nella produzione degli iPhone?

La notizia, anticipata da FBR Capital Markets appena poche ore fa, non ha sorpreso più di tanto chi guarda con apprensione all’evoluzione dei mercati internazionali ICT.Apple, infatti, starebbe pensando a un radicale taglio nella produzione di uno dei suoi prodotti di punta, l’iPhone, nella misura del 10% durante l’ultimo trimestre dell’anno.Altre agenzie di analisi, a

La notizia, anticipata da FBR Capital Markets appena poche ore fa, non ha sorpreso più di tanto chi guarda con apprensione all’evoluzione dei mercati internazionali ICT.

Apple, infatti, starebbe pensando a un radicale taglio nella produzione di uno dei suoi prodotti di punta, l’iPhone, nella misura del 10% durante l’ultimo trimestre dell’anno.

Altre agenzie di analisi, a dir la verità, diramano previsioni ancora più pessimistiche circa il futuro dell’iPhone, stimando contrazioni nell’output che si aggirerebbero addirittura intorno al 20-30%, o anche oltre.

Altri osservatori ancora, invece, non credono che Apple porterà avanti una radicale riduzione nella propria produzione, e credono fortemente che l’andamento delle vendite nei mercati emergenti e in quelli europei saprà controbilanciare gli attesi decrementi statunitensi.

Apple, intanto, non ha ancora voluto commentare la notizia. Ciò che pare certo è l’improbabilità di conseguire durante l’ultimo trimestre dell’anno gli stessi quantitativi di profitto che hanno condotto la società a ottenere una crescita del 26% negli utili del terzo periodo dell’anno.

Ti potrebbe interessare
OS X Lion è il sistema operativo più sicuro
Apple

OS X Lion è il sistema operativo più sicuro

Lion, l’ultima versione di OS X, rilasciato meno di una settimana fa e scaricato dal Mac App Store in oltre un milione di copie in meno di 24 ore, tra le oltre 250 novità introdotte porta anche significativi miglioramenti nel campo della sicurezza.

Microsoft Wireless Desktop 2000: prima tastiera con crittografia AES
Microsoft

Microsoft Wireless Desktop 2000: prima tastiera con crittografia AES

Microsoft ha annunciato la Wireless Desktop 2000, la prima tastiera dell’azienda di Redmond ad integrare la tecnologia di crittografia AES (Advanced Encryption Standard) a 128 bit per la protezione di dati personali e aziendali. Il prodotto sarà disponibile a partire da settembre ad un prezzo di 39,90 euro in abbinamento al Wireless Mouse 2000, basato

Ubuntu 8.04 e Compiz Fusion
Imaging

Ubuntu 8.04 e Compiz Fusion

L’abbinamento tra l’Ubuntu Hardy Heron e l’impalcatura grafica di Compiz Fusion è davvero impressionante, facendo per certi versi impallidire l’interfaccia Aero di Windows Vista.Sembra che ormai non ci siano più limiti alla fantasia creativa degli sviluppatori open source, andando forse oltre alle effettive necessità dell’utente medio.