QR code per la pagina originale

Enel e gli user generated contents

,

Un’altra azienda che ha presentato i suoi casi di successo allo IAB Forum è stata Enel. Che ha parlato addirittura di 3 esempi diversi di user generated contents con cui si è cimentata nel 2008.

Partendo dal presupposto che il consumatore oggi è più protagonista, ha infinite possibilità di informarsi, di confrontare e decidere e chiede alle aziende/marche una relazione attiva, Enel ha deciso di sperimentare un approccio diverso con i suoi potenziali clienti.

Il primo esempio ha visto protagonista il portale Zooppa.com sul quale è stato lanciato un contest creativo legato alle offerte di energia elettrica e gas. I risultati sono stati interessanti: 59 video, 257 annunci stampa, 24 spot radio, 77 concept creativi, 10.000 commenti postati… e tanto divertimento.

Gli utenti si sono dimostrati estremamente creativi. Tanto che Enel, pur non potendo utilizzare tanta creatività, a fine contest ha deciso di fare una campagna videobanner di ringraziamento per i lavori effettuati.

Il secondo progetto di user generated contents è stato creato sulla piattaforma Enel, dove si invitava gli utenti a raccontare il proprio spot con foto, testi, audio legati al concetto “noi la chiamiamo energia”. I video prodotti sono stati caricati sul canale branded di YouTube di Enel. Anche in questo caso: 55.408 pagine visualizzate e 37.180 visitatori unici.

Il terzo progetto è legato alla campagna commerciale che si esplicava in uno spot TV “gesti dimenticati”. Insieme alla campagna, Enel ha dato vita a un sito di UGC nel quale si chiedeva agli utenti di proporre i propri gesti dimenticati. E così c’è chi ha mostrato la carta copiativa, il grammofono, le cassette VHS, il floppy disk…