QR code per la pagina originale

Facebook, le applicazioni avranno il bollino

Facebook sta mettendo in moto i meccanismi che dovrebbero portare a breve ad avere un bollino di certificazione per le applicazioni di qualità. Così facendo si stimola lo sviluppo di applicazioni ben formate di cui gli utenti possano fidarsi

,

Facebook inizierà presto a passare al vaglio le applicazioni pronte a sbarcare sulla propria piattaforma. Il benvenuto agli sviluppatori è accorato e caloroso, ma al tempo stesso il gruppo non intende far passare in secondo piano la qualità dei vari tasselli che vanno ad animare la user experience degli utenti. Un apposito “badge”, quindi, viene introdotto a certificare la qualità delle applicazioni in distribuzione.

La procedura viene messa in moto progressivamente. Le linee guida sono già disponibili online, ma solo nelle prossime settimane sarà possibile ricevere le prime autenticazioni provenienti dalla casa madre. Il tutto funzionerà su base volontaria: chi sviluppa applicazioni per Facebook può chiedere il proprio bollino di qualità, dal quale otterrà immediati vantaggi ed alcune promesse. Tra i vantaggi di breve periodo vi sono alcuni sconti e 100 dollari di buono da spendere sui canali promozionali del network. Tra le promesse vi sono invece alcune opportunità che si apriranno nel 2009 agli sviluppatori certificati per promuovere i propri prodotti.

La certificazione non sarà gratuita. I prezzi partono dai 175 dollari per studenti ed entità non profit, fino ai 375 dollari per gli sviluppatori professionisti. Per ricevere il bollino di qualità l’applicazione dovrà rispondere ad alcuni canoni precisi e riassumibili nelle tre linee guida comunicate: sicurezza, rispettabilità, trasparenza. Ogni dettaglio per le procedure di certificazione è disponibile online, ove le linee basilari di giudizio per le applicazioni sono suddivise in ulteriori tre indirizzi: una applicazione deve infatti risultare “significativa”, “sicura” e “ben progettata”.

Applicazione Facebook certificata

Con questa iniziativa (messa in moto ora, ma preannunciata fin dalla scorsa estate) Facebook manifesta l’intenzione di badare alla qualità delle applicazioni che danno vita alla propria piattaforma: nel creare una discriminante di questo tipo si introduce un parametro monetario in grado di effettuare un primo distinguo tra le applicazioni, nella convinzione che poi siano le scelte degli utenti a premiare gli sviluppatori secondo un codice meritocratico.

Va notato come tra le informazioni per gli sviluppatori sia specificato come la certificazione delle applicazioni abbia anche una scadenza: dopo 12 mesi, infatti, la certificazione scade e lo sviluppatore è costretto a richiederne il rinnovo.