Nortel a rischio bancarotta

Sono decisamente cattive le acque in cui naviga Nortel. La centenaria società canadese ha infatti consegnato la documentazione necessaria per entrare in regime di amministrazione controllata, il famoso “Chapter 11”, una procedura necessaria ad evitare la bancarotta.È infatti questo il rischio a cui Nortel va incontro: praticamente braccata dai creditori è in cerca di una

Sono decisamente cattive le acque in cui naviga Nortel. La centenaria società canadese ha infatti consegnato la documentazione necessaria per entrare in regime di amministrazione controllata, il famoso “Chapter 11”, una procedura necessaria ad evitare la bancarotta.

È infatti questo il rischio a cui Nortel va incontro: praticamente braccata dai creditori è in cerca di una possibilità che le permetta di completare la ristrutturazione necessaria per ritornare ad essere finanziariamente stabile.

L’amministrazione controllata le permetterebbe di ritardare il pagamento di 107 milioni di dollari in interessi sulle obbligazioni, che ammontano a un totale di 3,8 miliardi di dollari. A minacciare Nortel è anche la possibile cancellazione dal listino della borsa: già lo scorso dicembre Wall Street aveva avvisato la società di una esclusione dalle contrattazioni se le azioni non fossero risalite al di sopra di 1$. Attualmente le azioni Nortel sono scambiate a 32 centesimi.

Al centro della ristrutturazione ci sono l’esternalizzazione di alcuni comparti e soprattutto il licenziamento di 1.300 dipendenti. Con i nuovi licenziamenti salgono a 3400 le persone mandate a casa Nortel. Per ora la richiesta di amministrazione controllata è stata avviata solo per la sede statunitense, ma sarà presto estesa anche alle sedi europee e soprattutto a quella canadese.

Una situazione difficile ma non impossibile: Nortel aveva affrontato una crisi simile già nel 2001, anno in cui in un solo trimestre aveva accusato perdite per quasi 20 miliardi di dollari, mentre la situazione attuale vede perdite per “soli” 3,4 miliardi di dollari.

Ti potrebbe interessare
AMD Bulldozer: prestazioni simili al Core i7-2600K
amd bulldozer

AMD Bulldozer: prestazioni simili al Core i7-2600K

I primi processori di AMD basati sull’architettura Bulldozer arriveranno sul mercato non prima di settembre, ma in Rete circolano già i primi test effettuati su alcuni engineering sample. Il sito turco DonanimHaber ha pubblicato alcuni interessanti risultati relativi al processore Zambezi a otto core, indicato con la sigla FX-8130P, che mostrano prestazioni comparabili con il

Rupert Murdoch: “Gli editori escano da Google e Bing”
Web e Social

Rupert Murdoch: “Gli editori escano da Google e Bing”

Rupert Murdoch torna all’attacco e non risparmia critiche agli aggregatori di news. Nulla di nuovo ovviamente, dato che il magnate dei media aveva più volte criticato Google News e servizi simili nei mesi scorsi, ma stavolta il fondatore di News Corporation potrebbe avere un valido alleato alla sua tesi in un mercato, quello editoriale, che

eyeBeam: un client softphone compatibile con Vista.
Prezzi e tariffe

eyeBeam: un client softphone compatibile con Vista.

Il 26 marzo la canadese CounterPath Solutions ha annunciato con una news che il suo softphone eyeBeam ? arrivato alla versione 1.5.14 ? ha superato tutti i test ed ha ottenuto la certificazione Microsoft di programma “Certified for Windows Vista“.Progettato per l’utilizzo su sistemi telefonici basati su Internet, eyeBeam fornisce soluzioni VoIP usando sia IP-PBX