DLNA e HANA: comparazione e coesistenza dei diversi standard per reti domestiche – Parte III

Soluzioni a confrontoIl PC si è evoluto per far fronte ad una vasta gamma di dispositivi e servizi, mediante una logica di add-on, installando di volta in volta i driver necessari alla connessione di quel particolare dispositivo di cui si necessita. Al contrario, il sistema TV è composto da dispositivi che non cambiano mai una

Soluzioni a confronto

Il PC si è evoluto per far fronte ad una vasta gamma di dispositivi e servizi, mediante una logica di add-on, installando di volta in volta i driver necessari alla connessione di quel particolare dispositivo di cui si necessita. Al contrario, il sistema TV è composto da dispositivi che non cambiano mai una volta che hanno lasciato la fabbrica: se si necessita la connessione ad altri dispositivi, le risorse necessarie devono essere integrate fin dall’inizio.

Entrambe le organizzazioni stanno lavorando alla creazione di metodi che consentiranno ai dispositivi di comunicare attraverso un protocollo standard. Tuttavia, la standardizzazione è, in realtà, una mediazione e, poiché lo standard DLNA coinvolge un numero maggiore di aziende e industrie, ognuno con il proprio modo di fare le cose, questa mediazione è difficile e complessa.

Nel mondo della TV al contrario, i provider di contenuti e le industrie sono stati a lungo coloro che hanno dettato le norme: tutti gli altri produttori di dispositivi devono adeguarsi e accogliere tali standard. Man mano che la tecnologia via cavo è progredita, anche grazie alle reti, la situazione si è complicata, in quanto le industrie che lavorano in questo ramo hanno dovuto adeguarsi ai vari codec (MPEG2, MPEG4, H.264) e allo standard HDMI. Avendo un’interfaccia TV ben definita si lascia libertà di intervento solo sullo strato di rete.

HANA e DLNA: somiglianze

HANA e DLNA utilizzano praticamente gli stessi protocolli a livello di rete. Entrambi gli standard sono basati su protocollo IP. HANA e DLNA utilizzano il protocollo TCP/IP e il DHCP o, in mancanza di un server DHCP, il protocollo Link Local. È anche possibile utilizzare il Simple Service Discovery Protocol (SSDP) per scoprire i dispositivi che fanno parte della rete.

Con un indirizzamento IP e un servizio di discovery, i dispositivi di una rete DLNA sono rilevabili anche da quelli di una rete di tipo HANA. Entrambi poi utilizzano XML come linguaggio di descrizione e HTTP per il trasferimento delle informazioni, attraverso l’uso di xHTML.

Un’altra analogia è che entrambe le organizzazioni richiedono che le specifiche siano basate su standard pubblici. Anche se vi sono differenze, il collegamento tra i due standard dovrebbe essere relativamente semplice se si utilizza del software.

Infine, i dispositivi HANA possono funzionare con un browser e del software Web server standard. Poiché la maggior parte delle reti DLNA comprenderà un PC, è chiaro che il più naturale dispositivo per il collegamento delle due reti è il PC stesso.

Ti potrebbe interessare
Audiweb: 7 italiani su 10 navigano su internet
Prezzi e tariffe

Audiweb: 7 italiani su 10 navigano su internet

L’Italia forse non sarà la prima nel settore delle Tlc, come più volte evidenziato da ricerche internazionali, ma se il dato può in qualche modo consolare agli italiani internet piace e anche molto. I dati riportati infatti da Audiweb sono in qualche modo interessanti. 7 italiani su 10, nella fascia tra gli 11 e i

Google TV è già un fallimento?
Prezzi e tariffe

Google TV è già un fallimento?

La Google TV è davvero sull’orlo del fallimento? Un mesetto fa anticipavamo che le cose per la piattaforma televisiva di Google non andavano troppo bene in America, dove le principali emittenti televisive, avevano improvvisamente eliminato il loro supporto ai contenuti multimediali della Google TV.Paura di perdite di audience? Forse. Paura che la Web TV venga

Smart Inclusion: la banda larga al servizio dei piccoli pazienti
Prezzi e tariffe

Smart Inclusion: la banda larga al servizio dei piccoli pazienti

La tecnologia tende la mano ai piccoli pazienti con la nascita del progetto “smart inclusion”per i bambini dei reparti oncologici. Si tratta di un “ponte virtuale” che mette in relazione casa, scuola e ospedale. In questo modo si cerca di ridurre le distanze permettendo ai piccoli pazienti di vivere, almeno in un modo alternativo, la

Fastweb rimane in attesa delle decisioni dell’authority
Prezzi e tariffe

Fastweb rimane in attesa delle decisioni dell’authority

Leggevo sul Corriere economia, un intervista a Stefano Parisi, amministratore delegato di Fastweb.Mi scuso se Fastweb è quasi sempre nei miei post, ma una tra le più attive nel settore della banda larga, nonostante i costi dei servizi, non certo convenienti rispetto ad altre tariffe, ma sicuramente meno cari di quelli dell’ex monopolista e per