eBay alla conquista di Gmarket, Yahoo pronta a cedere

Periodo di grandi rivoluzioni in casa eBay. Dopo la recente conferma della volontà di liberarsi di Skype, acquisto rivelatosi non in sintonia con le strategie di mercato dell’azienda, il colosso dell’e-commerce ha ufficialmente annunciato l’intenzione di acquisire Gmarket, gruppo coreano leader nel settore delle vendite online in terra orientale quotato sull’indice NASDAQ. L’operazione, che deve

Parliamo di

Periodo di grandi rivoluzioni in casa eBay. Dopo la recente conferma della volontà di liberarsi di Skype, acquisto rivelatosi non in sintonia con le strategie di mercato dell’azienda, il colosso dell’e-commerce ha ufficialmente annunciato l’intenzione di acquisire Gmarket, gruppo coreano leader nel settore delle vendite online in terra orientale quotato sull’indice NASDAQ.

L’operazione, che deve comunque ancora ricevere il via libera da parte degli azionisti, dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno, generando la transizione di un capitale di ben 1,2 miliardi di dollari.

Tutto sembra comunque destinato a procedere senza intoppi.

Yahoo! ha infatti già fornito il proprio consenso per la cessione del 10% delle quote societarie, in suo possesso, e altrettanto è stato fatto da Interpark Corporation, che ne detiene il 34%.

L’acquisizione di Gmarket permetterà ad eBay di confermarsi leader del settore e-commerce anche nell’appetibile territorio coreano, attraverso una fitta rete di nuove collaborazioni tra le due realtà.

Più che incoraggianti anche i risultati finanziari del gruppo, che nell’ultimo anno ha registrato, al netto, introiti per oltre 200 milioni di dollari.

Ti potrebbe interessare
Adobe Creative Suite 5.5 strizza l’occhio all’iPad
Apple

Adobe Creative Suite 5.5 strizza l’occhio all’iPad

Adobe ha annunciato ieri in via ufficiale il rilascio del pacchetto Creative Suite 5.5, che tra le novità introdotte presenta una profonda integrazione con i dispositivi mobile, in primo luogo tablet. La celere diffusione di questa tipologia di prodotti ha spinto la società di San Jose a dedicare alcuni tool in modo specifico a device

Pedofilia online: tre arresti
Prezzi e tariffe

Pedofilia online: tre arresti

Purtroppo i client P2P e il file sharing tornano a fare parlare di sé in maniera decisamente negativa.La Polizia Postale di Reggio Calabria ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti coinvolti nell’ambito di un’operazione contro la pedofilia online.