Gli stati P del processore definiti dall’ACPI

Dopo aver descritto i C-states, procediamo ora alla trattazione dei temi legati all’ACPI parlando invece dei P-states, legati ai livelli di alimentazione e performance della CPU.I P-States hanno luogo solo all’interno di C0 e D0 in quanto si manifestano solo quando il dispositivo CPU è nello stato operativo.Ma esattamente in cosa consiste uno stato P?Lo

Dopo aver descritto i C-states, procediamo ora alla trattazione dei temi legati all’ACPI parlando invece dei P-states, legati ai livelli di alimentazione e performance della CPU.

I P-States hanno luogo solo all’interno di C0 e D0 in quanto si manifestano solo quando il dispositivo CPU è nello stato operativo.

Ma esattamente in cosa consiste uno stato P?

Lo stato P indica un punto operativo del processore, caratterizzato da una frequenza legata ad un livello di alimentazione. Utilizzando una metafora, ogni stato P è legato ad uno step sulla scala delle performance del processore così come la potenza di un motore è legata al suo regime di rotazione.

Gli stati P sono numerati da P0, caratterizzato dalla frequenza massima e dal voltaggio massimo, fino allo stato di risparmio energetico più elevato, Pn (con n uguale massimo 16), dove la frequenza e il voltaggio sono ai livelli minimi per garantire un funzionamento operativo stabile.

Come esempio possiamo considerare una sessione di codifica di un file audio, una tipica situazione in cui la CPU è richiesta al 100%: in questo caso lo stato attivo sarà P0.

Se invece ci si limita a navigare su Internet o ad usare applicazioni di videoscrittura dove è richiesta una potenza elaborativa minima, la CPU potrà passare ad uno stato Pn superiore, abbassando la sua frequenza e il suo voltaggio, pur rimanendo nello stato C0 operativo.

Ti potrebbe interessare
MySpace è ora nei risultati in tempo reale di Google
Web e Social

MySpace è ora nei risultati in tempo reale di Google

Il colosso Google continua la sua scalata al mondo dei social network e implementa le MySpace Real-Time Search API nei risultati delle sue ricerche, andando così a fornire, a coloro che utilizzano il famoso motore di ricerca, gli aggiornamenti degli utenti che fanno uso della rete sociale di Rupert Murdoch.

Con SPDY, Google Chrome mette il turbo
Software e App

Con SPDY, Google Chrome mette il turbo

Gli sviluppatori del browser di Google stanno mettendo a punto una nuova soluzione per velocizzare il trasferimento dei dati via HTTP. Nei primi test SPDY ha reso la navigazione sui siti web il 55% più veloce rispetto ai tradizionali sistemi

Un esoscheletro hi-tech per i futuri Iron Man
Imaging

Un esoscheletro hi-tech per i futuri Iron Man

I soldati del prossimo futuro assomiglieranno ad Iron Man, protagonista dell’omonima pellicola appena giunta nei nostri cinema? Sì, se questo prototipo di esoscheletro ultratecnologico sviluppato in sviluppo per conto dell’esercito americano si rivelerà efficace.