Gli stati P del processore definiti dall’ACPI

Dopo aver descritto i C-states, procediamo ora alla trattazione dei temi legati all’ACPI parlando invece dei P-states, legati ai livelli di alimentazione e performance della CPU.I P-States hanno luogo solo all’interno di C0 e D0 in quanto si manifestano solo quando il dispositivo CPU è nello stato operativo.Ma esattamente in cosa consiste uno stato P?Lo

Dopo aver descritto i C-states, procediamo ora alla trattazione dei temi legati all’ACPI parlando invece dei P-states, legati ai livelli di alimentazione e performance della CPU.

I P-States hanno luogo solo all’interno di C0 e D0 in quanto si manifestano solo quando il dispositivo CPU è nello stato operativo.

Ma esattamente in cosa consiste uno stato P?

Lo stato P indica un punto operativo del processore, caratterizzato da una frequenza legata ad un livello di alimentazione. Utilizzando una metafora, ogni stato P è legato ad uno step sulla scala delle performance del processore così come la potenza di un motore è legata al suo regime di rotazione.

Gli stati P sono numerati da P0, caratterizzato dalla frequenza massima e dal voltaggio massimo, fino allo stato di risparmio energetico più elevato, Pn (con n uguale massimo 16), dove la frequenza e il voltaggio sono ai livelli minimi per garantire un funzionamento operativo stabile.

Come esempio possiamo considerare una sessione di codifica di un file audio, una tipica situazione in cui la CPU è richiesta al 100%: in questo caso lo stato attivo sarà P0.

Se invece ci si limita a navigare su Internet o ad usare applicazioni di videoscrittura dove è richiesta una potenza elaborativa minima, la CPU potrà passare ad uno stato Pn superiore, abbassando la sua frequenza e il suo voltaggio, pur rimanendo nello stato C0 operativo.

Ti potrebbe interessare
Arriva WiFi Direct, addio al Bluetooth?
Prezzi e tariffe

Arriva WiFi Direct, addio al Bluetooth?

Già in passato avevamo anticipato che il Bluetooth sarebbe potuto uscire di scena in favore di uno standard unico che sfruttasse il WiFi per i trasferimenti punto a punto a corto raggio (tra cellulari per esempio).Ebbene, la WiFi Alliance, l’associazione che sviluppa e promuove il WiFi, ha annunciato il nuovo standard “WiFi Direct” che entro

Mac OS X 10.5 Leopard – Mail
Imaging

Mac OS X 10.5 Leopard – Mail

Ecco un altro video dimostrativo delle nuovissime potenzialità di Leopard.Una efficace presentazione del servizio di mail che dimostra con quale facilità sia possibile creare presentazioni dinamiche e dalla grafica accattivante.Senza dimenticare i servizi secondari come “Notes” e il calendario eventi.