D900F Panther-i7: workstation mobile da Eurocom

È ancora presto per vedere in commercio le prime soluzioni mobile basate sulla piattaforma Calpella di Intel ed i processori quad core Clarksfield.Eurocom però non vuole aspettare e dunque propone un workstation notebook che integra al suo interno una CPU Intel Core i7, riservata, fino ad ora, ai sistemi desktop.Il D900F Panther-i7 può essere equipaggiato

È ancora presto per vedere in commercio le prime soluzioni mobile basate sulla piattaforma Calpella di Intel ed i processori quad core Clarksfield.

Eurocom però non vuole aspettare e dunque propone un workstation notebook che integra al suo interno una CPU Intel Core i7, riservata, fino ad ora, ai sistemi desktop.

Il D900F Panther-i7 può essere equipaggiato con CPU Core i7 a 2,66/2,93/3,2 GHz, ma anche con CPU Xeon X5580 compatibili con il socket LGA 1366. Il chipset è ovviamente l’unico disponibile per questi processori, ovvero l’Intel X58, accoppiato al southbridge ICH10R.

La memoria centrale è costituita da 3 moduli DDR3-1333 per una quantità massima installabile di 12 GB, mentre la memoria di massa ha una capacità massima di 1,5 TB, suddivisi tra 3 hard disk SATA-300 da 500 GB, configurabili anche in RAID 0/1/5.

Il display LCD da 17 pollici con risoluzione WUXGA (1920×1200 pixel) o WSXGA+ (1600×1050 pixel) è pilotato da una scheda video nVidia GeForce GTX280M, dotata di 1 GB di memoria GDDR3.

Un “mostro” del genere non può certamente essere leggero o avere una elevata autonomia; infatti, si parla di circa 5,4 Kg e di una durata della batteria (da 6600 mAh) di circa 1 ora.

Anche il prezzo è proporzionato alla dotazione hardware (qui le specifiche complete): il prezzo varia da un minimo di 2.333 euro (CPU Core i7 920, 6 GB di memoria DDR3 ed hard disk da 250 GB) ad oltre 7.000 euro (CPU Core i7 965, 12 GB di memoria DDR3, 3 SSD Intel X25-M e masterizzatore Blu-Ray).

Ti potrebbe interessare
Switch: un nuovo sistema per i filtri proposto da NiSi
Imaging

Switch: un nuovo sistema per i filtri proposto da NiSi

Switch, il nuovo filter holder introdotto da NiSi, permette di ruotare due filtri indipendentemente tra loro grazie ad uno snodo addizionale che rende l’alloggiamento anteriore autonomo rispetto al posteriore.Un principio simile a quello del Lee Tandem, che è stato introdotto lo scorso agosto. Switch è predisposto per essere innestato sulla stessa base del filter holder