QR code per la pagina originale

Intel conferma: ricorreremo in appello

Intel ufficializza, a poche ore dalla sentenza dell'Antitrust europea, l'intenzione di ricorrere in appello contro la maximulta sentenziata per punire le pratiche anticoncorrenziali tenute a danno di AMD e dei consumatori europei. Intel respinge le accuse

,

Intel ha diramato una comunicazione ufficiale relativa alla sentenza della Commissione Europea che ha comminato 1.06 miliardi di multa al gruppo per comportamento anticoncorrenziale nei confronti della rivale AMD ed a danno dei consumatori europei. Ciò che era stato ipotizzato immediatamente dopo la sentenza prende corpo nel giro di poche ore: Intel conferma ufficialmente, per voce del proprio CEO Paul Otellini, l’intenzione di ricorrere in appello per far valere le ragioni del proprio operato.

Spiega Otellini nel comunicato ufficiale diramato: «Intel non condivide assolutamente questa decisione. Crediamo che questa decisione sia sbagliata e ignori la realtà di un mercato dei microprocessori altamente competitivo – caratterizzato da costante innovazione, performance crescenti e prezzi in calo. Non vi è nulla che danneggi i consumatori. Intel ricorrerà in appello. Riteniamo che le nostre attività non abbiano violato le leggi europee. La conseguenza naturale di un mercato competitivo con solo due player primari è che quando uno dei due incrementa le proprie vendite, lo stesso non accade all’altro. La Direzione Generale per la Concorrenza della Commissione Europea ha ignorato o non ha voluto acquisire prove significative che contraddicono la sua decisione. Questi riscontri dimostrano come il mercato premi le aziende che agiscono bene, mentre si comporti all’opposto nei confronti di aziende che non performano».

Prosegue inoltre il CEO: «Intel non vende mai sottocosto. Abbiamo costantemente investito in innovazione e nella produzione e sviluppo di tecnologia d’avanguardia. Il risultato è che siamo in grado di praticare sconti sui nostri prodotti così da competere in un mercato altamente concorrenziale, offrendo ai nostri clienti la qualità del leader mondiale nella produzione di microprocessori. Malgrado il nostro fermo punto di vista, abbiamo intenzione di collaborare con la Commissione durante la procedura d’appello per accertare che stiamo agendo nel rispetto della loro decisione. Infine, non vi è alcun dubbio che Intel continuerà a investire nei prodotti e nelle tecnologie che assicurano all’Europa e al resto del mondo le migliori performance di processore ai prezzi più bassi».