Con gli SSD i consumi si riducono di 166.000 MWh in 6 anni

I drive a stato solido rappresentano sicuramente il sistema di archiviazione del futuro ma, trattandosi di una tecnologia giovane, il loro costo è ancora troppo elevato in rapporto alla capacità.Questo ragionamento potrebbe però non valere per le applicazioni server, dove affidabilità e consumi sono i parametri principali da tenere in considerazione.iSuppli ha realizzato una ricerca

I drive a stato solido rappresentano sicuramente il sistema di archiviazione del futuro ma, trattandosi di una tecnologia giovane, il loro costo è ancora troppo elevato in rapporto alla capacità.

Questo ragionamento potrebbe però non valere per le applicazioni server, dove affidabilità e consumi sono i parametri principali da tenere in considerazione.

iSuppli ha realizzato una ricerca in base alla quale la sostituzione, anche parziale, di dischi tradizionali nei data center potrebbe portare ad un risparmio di consumo elettrico pari a migliaia di MWh all’anno.

Supponendo che un hard disk a piatti rotanti consumi circa 14 watt e che un SSD ne consumi invece circa 7, l’installazione di drive a stato solido al posto dei magnetici SAS (Serial-Attached SCSI) da 15000 rpm, avrebbe come risultato una riduzione dei consumi pari al 50%. Anche se venissero sostituiti solo il 10% dei dischi si otterrebbe comunque un enorme risparmio energetico.

Nel 2008 è stato stimato un risparmio di 6.986 MWh, che crescerà fino a 57.564 MWh nel 2013, per un totale di 166.643 MWh nel periodo 2008-2013.

Se nei data center fossero utilizzati gli SSD, questi 166.643 MWh potrebbero essere impiegati per generare l’elettricità necessaria ad un intero paese come il Gambia.

Ti potrebbe interessare
In arrivo 30 Windows Phone entro la fine dell’anno
Google

In arrivo 30 Windows Phone entro la fine dell’anno

Saranno ben 30 i nuovi smartphone in arrivo entro la fine dell’anno, equipaggiati con il nuovo Windows Mobile 6.5.Tutti i grandi produttori hanno scelto per uno o più dei loro modelli il sistema operativo che Microsoft ha lanciato ufficialmente proprio nei giorni scorsi.Comincia così la rincorsa alla concorrenza, nel tentativo di colmare il gap che

UE, piano d’azione per l’Internet delle cose
Business

UE, piano d’azione per l’Internet delle cose

L’Internet delle cose sta arrivando: gli oggetti sono sempre più interconnessi ed i cittadini potrebbero rimanere imbrigliati in questa rete pervasiva che va creandosi. La Commissione Europea promette di vigilare e formula un piano d’azione in 14 punti

T-Mobile: Skype per iPhone a pagamento
skype

T-Mobile: Skype per iPhone a pagamento

La tedesca T-Mobile aveva stupito il mondo delle telecomunicazioni perché, contrariamente agli altri gestori di telefonia, aveva adottato la tecnologia Voice Over IP, considerata invece dai competitor come una minaccia e aveva introdotto sul mercato dei cellulari Nokia con Skype.Ora, però, il popolare gestore tedesco sembra aver rivisto la propria posizione e pur non negando