QR code per la pagina originale

Bing Bang

Bing è il nuovo motore di ricerca di casa Microsoft. Apre i battenti il 3 Giugno e si propone di fornire risposte immediate agli utenti grazie a confronti, analisi dei dati e risultati in grado di favorire i processi decisionali della vita di ogni giorno

,

Bing Local

«Le ricerche indicano che il 62% delle persone usa i motori di ricerca per trovare business locali o destinazioni. Comunque, trovare le migliori informazioni locali in rete può essere difficile». Secondo Microsoft l’organizzazione attuale delle informazioni non permette di capire esattamente quale sia la miglior scelta per le proprie necessità e Bing si ripropone pertanto di risolvere anche questo problema.

«Bing è differente», spiega Microsoft: «offre strumenti che rendono semplice e veloce trovare contenuti locali rilevanti, come recensioni aggregate da diversi siti, orari di diversi locali, mappe e indicatori del livello di traffico». La descrizione è ineccepibile e la capacità di aggregare dati differenti sarebbe di per sé un valore inestimabile per un motore che ambisce a fornire risposte. Tutto dipenderà dal tipo di fonti indicizzate, dalla quantità di informazioni gestita, dalla capillarità del servizio (la dimensione locale non può essere certo assolta soltanto a livello metropolitano, anzi) e dalla capacità di dialogo che i singoli siti avranno con gli algoritmi Bing. Fino ad oggi Microsoft non ha saputo offrire nulla di speciale in tal senso, dunque la promessa del nuovo motore appare alquanto ambiziosa.

Inevitabilmente, però, la dimensione locale è una di quelle maggiormente importanti in ambito mobile. Sarà questa, pertanto, la faccia di Bing sui telefonini, ove la ricerca di informazioni è molto più frequentemente legata ad una zona specifica e dove la rilevanza dei risultati è di fondamentale importanza per meglio favorire la gestione delle informazioni su schermi piccoli e dispositivi di basse capacità.

Mobile e locale vanno di pari passo. Sebbene Bing non abbia fatto promesse in tal senso, Microsoft investe da tempo nella telefonia e, tanto con Windows Mobile quanto con TellMe, sembra avere armi in grado di ricoprire un ruolo di primo piano nel settore. Bing ha i suoi traini, insomma, e Microsoft glieli metterà a disposizione.