Bing Bang

Bing è il nuovo motore di ricerca di casa Microsoft. Apre i battenti il 3 Giugno e si propone di fornire risposte immediate agli utenti grazie a confronti, analisi dei dati e risultati in grado di favorire i processi decisionali della vita di ogni giorno

Bing Shopping

Secondo i sondaggi citati da Microsoft, il 75% degli utenti del web tende a cercare sui motori di ricerca gli oggetti che intende acquistare. I motivi sono molteplici: dalla ricerca di recensioni all’approfondimento, dalla ricerca di rivenditori locali al desiderio di acquistare online i prodotti desiderati.

Microsoft ha grosse ambizioni relativamente all’ecommerce. Trattasi di ambizioni già emerse con Live Search, anche se il tutto è rimasto limitato ad un esperimento, peraltro non privo di problemi, ed ora con Bing l’intenzione è quella di mettere a frutto l’esperienza avuta negli ultimi mesi. Il credo nell’ecommerce non è scontato: la crisi economica attuale ha manifestato anche online le proprie pressioni e gli strumenti ecommerce più noti hanno nel tempo evidenziato tutta la loro dipendenza dall’affidabilità del marchio e dalla presenza sui motori di ricerca.

Microsoft punta con Bing su quattro leve specifiche:

  • Risultati filtrati: cercando prodotti specifici si otterranno risultati organizzati per brand, categoria o prezzo. Non un elenco casuale e semplicemente aggregativo, dunque, ma un insieme organizzato di prodotti che rende organica la ricerca come all’interno di un database univoco;
  • Risultati comprensibili: Bing userà database proprietari con le informazioni su milioni di prodotti in categorie quali elettronica di consumo, vestiario, cibo, ludica ed altro ancora. Bing intende mettere a disposizione degli utenti, quindi, tutte le informazioni necessarie per confrontare gli oggetti ed i servizi ed accedere eventualmente all’acquisto risparmiando tempo e potendo effettuare una scelta maggiormente consapevole e rapida;
  • Opinioni: è risaputo il fatto che l’utenza cerchi, tra le proprie informazioni, anche e soprattutto le recensioni altrui. Trattasi di recensioni amatoriali o eseguite da esperti, ed in entrambi i casi comunque organizzabili. Bing si propone di mettere a disposizione queste informazioni permettendo all’utente di non andare sul sito specifico, ma di poter confrontare i contenuti direttamente. Il motore potrebbe peraltro capire in automatico il “mood” della recensione, restituendo con elementi semplificati il sentimento positivo o negativo espresso nei confronti dello specifico prodotto cercato;
  • Bing Cashback: trattasi dell’elemento forte dell’offerta Microsoft. Ereditato dal Live Cashback precedente, il servizio propone una somma in cambio per ogni acquisto effettuato. Se si cerca con Bing e si giunge ad acquistare un prodotto su uno dei rivenditori in partnership con Bing, insomma, si può ricevere via PayPal o tramite deposito bancario una cifra che va parzialmente a ripagare l’acquisto effettuato e, nel contempo, stimola l’utenza a cercare i propri prodotti con Bing piuttosto che con altri strumenti. La cifra viene depositata nelle casse dell’utente entro 60 giorni dall’acquisto. Il servizio prevede già la copertura su oltre 17 milioni di prodotti su vari store online.

    Spiega infine Microsoft: «Contestualmente al lancio del nuovo motore di ricerca, inoltre, verrà intrapreso il primo passo per l’integrazione di Ciao (il sito leader in Europa per la comparazione dei prezzi e shopping online, acquisito da Microsoft nell’ottobre del 2008) all’interno di Bing e della sezione shopping del portale MSN. Uno strumento in più, disponibile in 7 paesi (Olanda, Spagna, Germani, Francia, UK, Italia e Svezia), per sfogliare un catalogo impressionante di prodotti, compararne i prezzi ed aiutare gli utenti a scegliere la migliore risposta alle proprie esigenze»

Ti potrebbe interessare