QR code per la pagina originale

Presto disponibile l’indirizzo italiano di Facebook

,

Il fenomeno del cybersquatting consiste nella registrazione di domini Internet molto simili a siti e portali (solitamente ben noti) già esistenti da tempo. Il fenomeno è negli ultimi anni in costante aumento, con un incremento nell’anno precedente dell’8% in tutto il mondo.

Esiste anche un’apposita organizzazione, il CRDD (Centro Risoluzione Dispute Domini), che si occupa di porre rimedio alle controversie tra le aziende che pretendono l’utilizzo esclusivo del dominio e le persone che lo hanno registrato.

Si è conclusa positivamente a favore di Facebook l’ultima disputa per l’ottenimento del dominio Internet del portale con estensione italiana. Facebook.it fino ad oggi non è stato disponibile per gli utenti italiani, che continuano ad accedere al sito passando dall’indirizzo internazionale (facebook.com) del portale.

Dopo la risoluzione della disputa, quindi, entro breve tempo (probabilmente un mese) gli utenti italiani del social network più utilizzato al mondo potranno accedere al sito facendo riferimento all’URL localizzato del nostro Paese: www.facebook.it.

È una grande conquista per la società che gestisce il social network. Un portale localizzato ispira infatti più fiducia agli utenti di un determinato Stato e questo potrebbe significare un aumento potenziale delle visite e delle conseguenti entrate pubblicitarie per la società.

Il cybersquatting non è un fenomeno da sottovalutare, considerando che negli ultimi mesi sono nati portali sfruttando nomi celebri come Google, BBC, eBay o Yale. Tutto questo è ovviamente un grande rischio per la sicurezza e la privacy degli internauti, che potrebbero essere confusi da portali simili ma in realtà creati appositamente per realizzare delle vere e proprie truffe.