QR code per la pagina originale

Advertising, in arrivo il codice di autoregolamentazione

Le associazioni di advertiser degli Stati Uniti stanno lavorando alacremente alla redazione di un codice di autoregolamentazione per rendere più trasparente la gestione degli annunci pubblicitari basati sulle abitudini degli utenti online

,

Un codice di autoregolamentazione per rendere più trasparente la gestione dell’advertising online. La proposta giunge da quattro associazioni di inserzionisti attive sul Web e mira a migliorare l’offerta dei servizi pubblicitari agli utenti, rendendoli maggiormente consapevoli e informandoli in maniera meno macchinosa e oscura circa la gestione dei loro dati personali.

American Association of Advertising Agencies, Association of National Advertisers, Direct Marketing Association e Interactive Advertising Bureau hanno da poco lanciato l’iniziata, sottolineando la necessità di elaborare presto un valido codice di autoregolamentazione per migliorare non solo l’esperienza degli utenti online, ma anche per offrire condizioni più chiare alle società interessate a condurre campagne di marketing sul Web. Le associazioni suggeriscono l’adozione di nuove misure per contrastare le recenti critiche mosse nei loro confronti sulla gestione poco trasparente delle informazioni raccolte sulle abitudini online degli utenti per fini commerciali, a volte all’insaputa degli stessi internauti.

Tra le proposte finora ipotizzate, spicca l’idea di utilizzare una piccola icona o una breve frase standard sui siti web che propongono inserzioni pubblicitarie. Tale soluzione consentirebbe agli utenti di ottenere rapidamente e con semplicità le informazioni sul trattamento dei loro dati a fini pubblicitari, permettendo inoltre l’adozione di misure atte a limitare tali pratiche direttamente dal sito web o attraverso le impostazioni del proprio browser.