BiDi, la rivoluzione del touchscreen secondo il MIT

La diffusione di sistemi touchscreen, grazie a device come l’iPhone, ha reso questo tipo di tecnologia comune e diffusa, tanto che ormai è normale avere in tasca un dispositivo multitouch, così come vedere vetrine interattive per le strade delle città.Ma se da un lato tutto ciò è diventato ormai di uso comune, dall’altro la ricerca

La diffusione di sistemi touchscreen, grazie a device come l’iPhone, ha reso questo tipo di tecnologia comune e diffusa, tanto che ormai è normale avere in tasca un dispositivo multitouch, così come vedere vetrine interattive per le strade delle città.

Ma se da un lato tutto ciò è diventato ormai di uso comune, dall’altro la ricerca per nuove soluzioni, ancora più efficienti, è sempre in continua evoluzione.

BiDi (Bidirectional Display Interface) è un sistema che cambierà sicuramente le nostre abitudini in futuro. Direttamente dalla fucina di innovazioni del MIT, un nuovo concept per interagire con le interfacce video di televisori e telefonini, ma anche notebook e computer desktop, attraverso lo spostamento delle mani nelle tre dimensioni.

Già diversi esperimenti sono stati fatti in questo settore, a partire dalla Wii e tra poco (probabilmente a fine anno) con l’introduzione sul mercato del Project Natal, ma la vera rivoluzione di questa tecnologia è che non richiederà alcun controller o telecamera, al contrario dei prodotti di Nintendo e Microsoft.

Il sistema BiDi è in grado di rilevare i movimenti delle mani tramite dei sensori posti dietro la superficie del display. In questo modo riesce a percepire le variazioni di luce e, quindi, a capire la direzione del movimento.

Come si può constatare anche dalla dimostrazione video in streaming a fondo post, BiDi è ancora un prototipo, ma funziona molto bene ed è già in grado di elaborare spostamenti complessi, con il grosso vantaggio di poter incorporare tutta questa tecnologia in schermi spessi pochi centimetri.

Ancora non è dato a sapere quando BiDi potrà essere reso disponibile a tutti, ma secondo i ricercatori del MIT, la tecnologia presenta ancora ampi margini di miglioramento, potendo raggiungere una risoluzione più efficiente di quella di una telecamera. A quel punto il monitor stesso diventerà l’interfaccia utente, senza più joystick, joypad, telecamere o qualunque altro tipo di controller esterno.

Ecco un video dimostrativo del suo funzionamento.

[vimeo 8116769]

Ti potrebbe interessare
Motorola Wilder, smartphone resistente all’acqua
Smartphone

Motorola Wilder, smartphone resistente all’acqua

Motorola ha annunciato un nuovo terminale touchscreen con display da 2,8 pollici di tipo resistivo con risoluzione 240×320 pixel. La particolarità di questo prodotto è la resistenza alla polvere e agli schizzi d’acqua, caratteristica ideale per chi utilizza il telefono in spiaggia o a bordo della piscina. Il Motorola Wilder sarà disponibile a partire da

Gli artisti e il filesharing: l’evoluzione del mercato musicale
Prezzi e tariffe

Gli artisti e il filesharing: l’evoluzione del mercato musicale

Un articolo recentemente pubblicato su TorrentFreak riporta come attualmente la situazione sia cambiata rispetto a qualche anno or sono per quanto concerne la visione del filesharing da parte degli artisti.Ora come ora, sono sempre di più coloro che vedono un futuro in esso, inquadrandolo come uno strumento di pubblicità gratuità e una possibilità di espandere