Instax FujiFilm: la sfida alla Polaroid continua con i nuovi modelli

Dopo la presentazione dei nuovi modelli di reflex digitali, di fotocamere bridge e di ultra-compatte, ecco che FujiFilm lancia sul mercato le nuove Instax. L’eclettismo della casa di produzione giapponese è noto, tanto che, ormai da un anno, sono acquistabili le sue fotocamere Instax “point-and-print”. Il concetto è il medesimo della vecchia Polaroid e della

Dopo la presentazione dei nuovi modelli di reflex digitali, di fotocamere bridge e di ultra-compatte, ecco che FujiFilm lancia sul mercato le nuove Instax. L’eclettismo della casa di produzione giapponese è noto, tanto che, ormai da un anno, sono acquistabili le sue fotocamere Instax “point-and-print”.

Il concetto è il medesimo della vecchia Polaroid e della nuova Polaroid PoGo Instant Digital Camera, evoluzione della PoGo Printer di cui abbiamo già diffusamente parlato. Inquadrare, scattare e stampare nel giro di qualche minuto.

Il modello di punta della FujiFilm si chiama Instax 210, ha un design tondeggiante che permette una presa solida e dimensioni ridotte (178.5 x 94.5 x 117.5 mm). Il peso è contenuto (650 gr) e il tutto è alimentato da 4 batterie AA. Come possiamo aspettarci, non sono molte le possibilità per lavorare in modalità manuale: la fotocamera, infatti, ha la regolazione automatica dell’esposizione. C’è la possibilità di acquisire macro o panorami, semplicemente selezionando la funzione; un mini pannello LCD indica il numero di foto acquisite e la modalità di ripresa scelta, come nelle macchine fotografiche di qualche anno fa.

Gli altri nuovi modelli sono decisamente più compatti e meno accessoriati: Instax Mini 25 e Instax Mini 7S sono dotati di un numero limitato di programmi di esposizione, motivo per cui sono meno adattabili alle diverse condizioni di ripresa.

Gli amanti delle vecchie Polaroid considerano queste macchine le vere eredi della foto a stampa immediata, poiché l’immagine ottenuta con Instax ha i bordi bianchi come quelle di un tempo, mentre le stampe Polaroid PoGo sono simili alle fotografie comuni, perché l’immagine occupa tutta la carta fotografica.

Le foto (dimensioni 99x62mm) vengono stampate da tutti i modelli sulla carta Fujifilm Instant Color Film “Instax”, venduta in pacchi da 10 fogli al prezzo di 10 dollari circa. Ogni foto, quindi, viene a costare 1 dollaro, escludendo il prezzo della macchina, che dovrebbe essere inferiore ai 100 dollari per tutti e tre i modelli. Per ora il tutto è disponibile su Amazon, i nuovi modelli non tarderanno ad arrivare anche sul mercato europeo.

Ti potrebbe interessare
Regali di Natale, il più desiderato è l’iPad
Apple

Regali di Natale, il più desiderato è l’iPad

Non più giocattoli e videogiochi per i bimbi statunitensi come il perfetto regalo di Natale, piuttosto quello più atteso da loro per le festività del 2011 è un iPad. Lo afferma Nielsen, società secondo la quale il tablet di Apple si rivela essere l’oggetto tecnologico più desiderati dell’anno.

Microsoft annuncia l’acquisizione di Opalis
Microsoft

Microsoft annuncia l’acquisizione di Opalis

Microsoft ha annunciato un’importante acquisizione, ovvero quella di Opalis Software, azienda specializzata nella creazione di software per l’automazione dei processi complessi all’interno dei data center. In passato Opalis aveva già avuto rapporti con Microsoft: già ad aprile erano state annunciate una serie di funzionalità per Microsoft System Center per migliorare l’automatizzazione di una serie di

Tutte le indiscrezioni sul nuovo iPhone
Google

Tutte le indiscrezioni sul nuovo iPhone

Sono molte le voci che si susseguono e che riguardano tutte le novità sul prossimo iPhone. Dalle ultime notizie non ufficiali è emerso che delle parti del nuovo prodotto che presto sarà realizzato sono state rese note sul Web da un grossista cinese. Dalla Ontrade.com sono state rese pubbliche delle immagini relative a queste componenti,

Microsoft studia in segreto il proprio iPod
Intrattenimento Web e Social

Microsoft studia in segreto il proprio iPod

“Top secret”: è questa l’unica cosa certa che si sa sul progetto che Microsoft starebbe portando avanti per apportare il proprio contributo alla causa anti-iPod ed anti-iTunes. La guerra dei formati intrapresa con Apple vede al momento prevalere il gruppo di Cupertino, ma a Redmond i primi meccanismi ufficiali di una nuova iniziativa in merito