Radeon HD 5000: problemi risolti?

All’inizio del mese avevano accennato ad un problema video per le ATI Radeon HD 5000, che si manifesta con la comparsa di strisce marroni, grigie o di altri colori, sia in idle che durante la visione di film o l’esecuzione di giochi.AMD aveva ammesso la sua esistenza dopo numerose segnalazioni sul forum ufficiale e, finalmente,

All’inizio del mese avevano accennato ad un problema video per le ATI Radeon HD 5000, che si manifesta con la comparsa di strisce marroni, grigie o di altri colori, sia in idle che durante la visione di film o l’esecuzione di giochi.

AMD aveva ammesso la sua esistenza dopo numerose segnalazioni sul forum ufficiale e, finalmente, ha pubblicato un hotfix per i driver Catalyst 10.1 che risolve il problema… o quasi.

La maggior parte degli utenti che hanno segnalato malfunzionamenti sono possessori di schede video Radeon HD 5800 e 5700, ma lo stesso problema si manifesta anche con i modelli Radeon HD 4770, 4850 e 4870.

Purtroppo però l’hotfix, compatibile con i sistemi operativi Windows (XP, Vista e 7) a 32 e 64 bit, è applicabile solo alle GPU della serie Radeon HD 5800.

Inoltre, nonostante la promessa del rilascio dell’hotfix solo dopo un attento esame delle condizioni che possono provocare il problema, AMD sembra aver affrettato la sua pubblicazione. Infatti, sempre sul forum ufficiale, alcuni utenti segnalano che l’hotfix non ha risolto nulla, anzi i problemi sono aumentati.

ATI ha sempre avuto uno sviluppo driver più “debole” rispetto a nVidia, ma crediamo che questa volta corra velocemente ai ripari, per non perdere la fedeltà degli utenti e per continuare a sfruttare l’attuale monopolio del mercato delle GPU DirectX 11.

Ti potrebbe interessare
La Google Toolbar diventa “social”. Tra le novità anche sidewiki
Web e Social

La Google Toolbar diventa “social”. Tra le novità anche sidewiki

Si aggiorna la Google Toolbar. Per far restare al passo con i tempi l’utile strumento offerto gratuitamente da Google, gli sviluppatori hanno introdotto nuove funzioni che ne estendono le possibilità d’uso offerte dando un particolare riguardo alle funzioni più tipicamente utili per un utilizzo in pieno Web 2.0.In questa ottica, dato che la parola d’ordine