Test di efficienza energetica

Uno dei parametri che un utente prende in considerazione prima dell’acquisto di un PC è la prestazione complessiva del sistema, ma bisognerebbe anche verificare i consumi in quanto non è sempre vero che consumo inferiore significa prestazioni inferiori o, viceversa, prestazioni maggiori vuol dire consumi più alti.Nell’ultimo anno sono stati presentati diversi prodotti etichettati con

Uno dei parametri che un utente prende in considerazione prima dell’acquisto di un PC è la prestazione complessiva del sistema, ma bisognerebbe anche verificare i consumi in quanto non è sempre vero che consumo inferiore significa prestazioni inferiori o, viceversa, prestazioni maggiori vuol dire consumi più alti.

Nell’ultimo anno sono stati presentati diversi prodotti etichettati con le parole eco e green, ma siamo sicuri che i consumi siano effettivamente più bassi rispetto ai prodotti normali?

I colleghi di bit-tech.net hanno effettuato dei test per verificare se l’utilizzo di un componente a basso consumo porta dei benefici effettivi in termini di consumi reali. Il parametro da considerare è l’efficienza energetica, ovvero il rapporto tra velocità di esecuzione di un task e la potenza elettrica necessaria. Ad esempio, se un prodotto A utilizza il 50% di potenza in più del prodotto B, ma è veloce il doppio, allora il prodotto A è il 33% più efficiente del prodotto B.

Per il confronto tra i vari componenti hardware sono stati effettuati test su processori AMD e Intel, memorie DDR3 abbinate a CPU Intel e AMD su schede madre Intel P55 e AMD 790GX, schede madre Asus, Gigabyte e MSI con diverse funzionalità di risparmio energetico, SSD e hard disk con diverse velocità di rotazione, alimentatori certificati 80Plus, schede audio e schede di rete integrate ed esterne, ventole e raffreddamento a liquido.

Per quanto riguarda i processori AMD, i risultati sono stati abbastanza sorprendenti. Le prestazioni del Phenom II X4 905e, dell’Athlon II X4 635 e del Phenom II X3 720 BE sono molto simili, ma il Phenom II X4 905e (quad core) consuma meno watt del Phenom II X3 720 BE (triple core), ed entrambi consumano 20-25 W in meno dell’Athlon II X4 635, nonostante i Phenom integrino 6 MB di cache L3 che non può essere spenta.

Dal confronto emerge chiaramente che il Phenom II X4 965 BE è il processore meno efficiente in quanto consuma fino a 60 W in più rispetto alle altre CPU, mentre il vincitore è Athlon II X2 240e, che è il 40% più lento, ma consuma la metà del Phenom II X4 965 BE.

Eseguendo lo stesso test sui processori Intel Core i3 530, Core i5 750 e Core i7 870, il Core i3 530 risulta il più efficiente non solo rispetto alle altre CPU Intel, ma anche rispetto a tutti i processori AMD, nonostante integri un sottosistema grafico a 45 nanometri sullo stesso package, oltre ai controller di memoria e PCI Express. Anche se il risultato era prevedibile, ciò conferma che l’architettura Intel è migliore di quella AMD.

Ulteriore prova della qualità della piattaforma Intel è rappresentata dal test riguardante la memoria DDR3. Il passaggio da 2 a 4 moduli di memoria richiede 16 W in più per il sistema AMD e solo 10 W in più per il sistema Intel. Il controller di memoria integrato nelle CPU Intel è quindi più efficiente; inoltre, la possibilità di installare moduli a bassa tensione, riduce ulteriormente i consumi complessivi a pieno carico.

Ti potrebbe interessare
iOS 10, arriva TextEdit?
iOS WWDC

iOS 10, arriva TextEdit?

Alla WWDC 2016 spunta l’icona di TextEdit, popolare software di OS X, per iOS 10: potrebbe trattarsi, però, di una versione unicamente per iCloud.

Pentax presenta la sua prima reflex medio formato: la 645D
Reflex

Pentax presenta la sua prima reflex medio formato: la 645D

Dopo anni di attesa dall’annuncio dello sviluppo, finalmente Pentax ha presentato la sua prima reflex medio formato. Si chiama 645D e promette di competere con le migliori reflex professionali della categoria. Progettata per eccellere in termini di risoluzione e dettaglio, la 645D presenta un sensore CCD 33 x 44mm da 40 Megapixel e una tecnologia

Di che Pattern sei?
Web e Social

Di che Pattern sei?

Ogni tanto anche i Big dedicano un po’ di tempo agli sviluppatori, fornendo ad esempio interessanti articoli come ha fatto in questo caso IBM riguardo 5 Pattern comuni per Ajax.Un Pattern è un modello di utilizzo o di programmazione e in questo articolo vengono mostrate 5 varianti comuni di interazione asincrona.